Operaio muore schiacciato da new jersey in un viadotto a Messina :ilSicilia.it
Messina

il fatto

Operaio muore schiacciato da new jersey in un viadotto a Messina

di
13 Ottobre 2021

Sciopero di otto ore in cantiere, oggi, dopo l’ennesima morte sul lavoro in Sicilia.

Lo annunciano le sigle sindacali. Ieri a Messina, intorno alle 18.30, presso il cantiere del Viadotto Ritiro, sulla tangenziale messinese dell’autostrada A20 Messina-Palermo, dove e’ impegnata la Toto Costruzioni, ha perso la vita il lavoratore edile Salvatore Ada, di 55 anni.

L’uomo, storico militante della Feneal-Uil di Messina, era impegnato in un’attivita’ non strettamente connessa alle lavorazioni del viadotto, ma in un’area di stoccaggio esterna al cantiere, afferma la Uil, e “pur di arrotondare lo stipendio per sostenere la famiglia, Salvatore svolgeva anche del lavoro straordinario”.

Stava caricando dei New Jersey di cemento su un camion per essere trasportati presso un altro cantiere della Toto Costruzioni nei pressi di Cefalu’. Sembrerebbe che una catena incagliatasi nello stesso abbia procurato il tragico incidente mortale in cui Salvatore e’ stato schiacciato dal New Jersey.

Spiega Autostrade siciliane: “Dalle prime ricostruzioni pare che l’uomo sia rimasto schiacciato nel corso di alcune operazioni di carico di new jersey di cemento su un autoarticolato. I lavori nulla avevano a che fare con la costruzione del Viadotto: “A nome nostro e di tutto il personale di Autostrade Siciliane esprimiamo il piu’ sentito cordoglio ai familiari ed a tutti i cari della vittima del terribile incidente”. “Siamo profondamente addolorati, Salvatore era uno stimato delegato della Feneal-Uil, nonche’ un lavoratore con grandi capacita’ professionali. Siamo stanchi di dovere piangere un nuovo innocente caduto sul lavoro – affermano Vito Panzarella, segretario generale FenealUil nazionale, Pasquale De Vardo, segretario generale Feneal Uil Tirrenica Messina-Palermo, e Ivan Tripodi, segretario generale Uil Messina – questa ignobile mattanza deve finire e per oggi nel cantiere del Viadotto Ritiro e’ stato proclamato uno sciopero di otto ore”.

Le sigle fanno sapere che si costituiranno parte civile. Chiedono il segretario generale della Cisl Messina, Antonino Alibrandi, e il segretario generale della Filca Cisl Messina Giuseppe Famiano: “Si apra al piu’ presto una stagione di controlli per frenare la strage che continua a mietere vittime sul lavoro. Bisogna fare fronte comune per tutelare i lavoratori e si faccia al piu’ chiarezza su quanto avvenuto”. La societa’ Toto Costruzioni Generali ha espresso “profondo cordoglio”: “Le dinamiche dell’incidente sono in fase di accertamento e la societa’ si e’ gia’ messa a completa disposizione delle autorita’ competenti per le indagini. La Toto Costruzioni Generali fornira’ alla famiglia tutto il sostegno possibile in questo drammatico momento”.

© Riproduzione Riservata

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin