Operazione antidroga “Varenne”: 12 arresti tra Siracusa, Catania e Palermo | I NOMI :ilSicilia.it
Catania

blitz dei carabinieri

Operazione antidroga “Varenne”: 12 arresti tra Siracusa, Catania e Palermo | I NOMI

di
16 Settembre 2020

È in corso, l’esecuzione da parte dei Carabinieri di Siracusa, di una ordinanza di custodia cautelare emessa dalla Procura aretusea a carico di 12 soggetti, operanti in Siracusa, Catania e Palermo, ritenuti tutti responsabili di concorso in detenzione e spaccio di cocaina, marijuana ed hashish.

Sono in atto numerose perquisizioni con l’ausilio di cani antidroga e di ricerca armi ed esplosivi. All’attività, eseguita da circa 80 militari del Comando Provinciale, concorre un elicottero dell’Arma.

I DETTAGLI DELL’OPERAZIONE “VARENNE” 

Spacciavano cocaina, marijuana e hashish a Siracusa rifornendosi a Catania e Palermo, ma anche in Calabria. Grazie all’attività svolta nel mondo dell’ippica da uno dei principali personaggi del gruppo, spesso ingenti quantitativi di droga veniva smerciati in tutta la Sicilia.

E al telefono gli stupefacenti venivano denominati in base al loro colore, associato a quello del mantello dei cavalli: l’hashish, sostanza dal tipico colore marrone, era chiamata “sauro“, un cavallo dal tipico manto castano. I carabinieri della Compagnia di Siracusa hanno eseguito 12 provvedimenti cautelari (10 in carcere e 2 divieti di dimora nella provincia di Siracusa) emessi dal gip del Tribunale di Siracusa su richiesta del procuratore aggiunto Fabio Scavone e del sostituto Marco Dragonetti.

Le indagini, che hanno consentito di disarticolare un nutrito gruppo dedito a una attività di spaccio di sostanze stupefacenti, son scattate nell’agosto 2018 con l’arresto di Salvatore Di Fede, detto “il pelato”, che nonostante fosse sottoposto agli arresti domiciliari, riusciva a continuare la sua attività di acquisto e rivendita di grosse partite di hashish e cocaina, coadiuvato da Claudio Barone e Massimo Toromosca. Di Fede utilizzava due canali di approvvigionamento: il primo facente capo al palermitano Giovanni Pasqua, fornitore di hashish, oppure attraverso Rosario Sicurella, catanese, per la cocaina proveniente dalla Calabria. Un altro piccolo gruppo di spacciatori composto da Sebastiano Galeota, Giuseppe Bronzo e Giuseppe Greco, autonomi nel mondo dello spaccio, che si rifornivano da Pasqua. Quest’ultimo ufficialmente lavorava nel mondo dell’ippica, professione che gli consentiva muoversi tra gli ippodromi della Sicilia, permettendogli così di consegnare ingenti quantità di sostanza stupefacente in tutta l’isola.

Da qui il nome dell’operazione, chiamata “Varenne” (come il nome di un importante cavallo da corsa). I militari hanno sequestrato complessivamente 73 kg. di hashish e 171 grammi di cocaina e arrestato in flagranza di reato di 16 persone.

I NOMI

Nell’operazione antidroga Varenne della procura siracusana sono stati portati in carcere dai carabinieri: Salvatore Di Fede, 46 anni; Claudio Barone, 37 anni; Massimo Toromosca, 46; Francesco Paolo Zuccarello, 49 anni; Daniele Alì, 34; Sebastiano Galeota, 42; Giuseppe Bronzo, 41; Giuseppe Greco, 52; Francesco Campanella, 32.

Sono sottoposti alla misura cautelare del divieto di dimora nella provincia di Siracusa Giovani Pasqua, 52 anni e Rosario Sicurella, 42 anni.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.