Operazione antimafia nel Trapanese: ecco chi è l'ex deputato Ruggirello :ilSicilia.it
Trapani

il fatto

Operazione antimafia nel Trapanese: ecco chi è l’ex deputato Ruggirello

di
7 Luglio 2020

Nel Parlamento siciliano per un decennio, nel corso di tre legislature, Parolo Ruggirello, indagato nell’inchiesta che ha portato all’arresto del boss mafioso Mariano Asaro, ha ricoperto uno dei ruoli chiave: quello di deputato-questore. Un incarico che gli ha garantito un ufficio di prestigio nel Palazzo che fu di Federico II ma soprattutto di assumere decisioni finanziarie.

Animo pacato e basso profilo, per Ruggirello i guai sono cominciati quando, finita la fase all’Assemblea siciliana, puntava all’elezione in Senato senza però riuscirci. Nel marzo dell’anno scorso l’ex deputato regionale è stato arrestato con l’accusa di associazione mafiosa nell’indagine della Procura distrettuale antimafia di Palermo che portò in carcere 25 persone, fra colonnelli e gregari del superlatitante Matteo Messina Denaro.

Cresciuto all’ombra del padre che negli anni ’60 e ’70 fu protagonista di scalata imprenditoriale nel campo dell’edilizia e diventando proprietario della Banca Industriale e patron del Trapani calcio, Paolo Ruggirello a metà degli anni Novanta scelse la politica, lasciando alla sorella la gestione delle aziende di famiglia e diventando col tempo uno dei ras del voto. Passato dal movimento autonomista dell’ex governatore siciliano Raffaele Lombardo al centrodestra, cinque anni fa Ruggirello prese la tessera del Pd assieme ad altri politici di centrodestra ai quali l’ala renziana aprì il partito non senza polemiche da parte delle altre correnti. Poi la fine del mandato parlamentare, il tentativo fallito di raggiungere Palazzo Madama e i guai giudiziari.

Leggi anche

Mafia, bufera nel Trapanese: arrestato il ‘dentista’ Asaro, indagati il sindaco di Paceco e Paolo Ruggirello | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.