Opere Pubbliche, protesta a Palermo: "Stallo su Piano Triennale blocca finanziamenti" :ilSicilia.it
Palermo

la voce di dieci consiglieri comunali

Opere Pubbliche, protesta a Palermo: “Stallo su Piano Triennale blocca finanziamenti”

di
13 Novembre 2021

I dieci consiglieri comunali di Pd, Sinistra Comune, Avanti Insieme e M5S dopo due giorni di occupazione dell’aula consiliare per protestare contro il centrodestra e Italia Viva, che con le loro assenze hanno impedito la votazione del Piano Triennale delle Opere Pubbliche, hanno manifestato questa mattina davanti Palazzo delle Aquile, a Palermo.

I consiglieri hanno incontrato la cittadinanza e dato vita a una assemblea pubblica con un centinaio di persone radunata grazie ai social nel corso della quale hanno raccontato come, da marzo scorso, il Consiglio Comunale non riesca ad approvare il Piano che prevede diverse centinaia di milioni di euro di fondi europei per la realizzazione di opere come il completamento della rete tranviaria, interventi per l’illuminazione pubblica e la costruzione di asili nido.

Per mettere in difficoltà il sindaco Orlando – accusano i dieci consiglieri – il centrodestra e Italia Viva mettono a repentaglio i finanziamenti. Se il Consiglio non verrà riconvocato per votare il Piano lunedì prossimo riprenderà l’occupazione dell’aula a oltranza”.

Il Piano triennale delle opere pubbliche era stato già bocciato lo scorso aprile, da parte dell’opposizione, diventata da mesi maggioranza al comune di Palermo, dopo che il gruppo di Italia Viva ha deciso di sfilarsi.

Abbiamo voluto raccontare – dice Tony Randazzo del M5s – cosa succederà se gli uffici comunali non riusciranno a chiudere le gare d’appalto di una serie di lavori entro il 31 dicembre prossimo. Si tratta di opere strategiche per centinaia di milioni: illuninazione pubblica, centro sociali e d’aggregazione nelle priferie, riforestazione di Monte Pellegrino, riqualificazione lungomare di Barcarello, le opere relative a tutti i fondi ex Gescal che riguardano i quartieri Zen e Sperone, manutenzioni varie e il tram”.

“E’ tutto bloccato da un centrodestra che si mette d’accordo solo sul “non fare” – si legge in una nota – e che non vuole nemmeno assumersi le responsabilità della mancata approvazione dell’atto. Giovedì abbiamo occupato l’aula consiliare di Palazzo delle Aquile per denunciare questa inerzia, dopo la incredibile caduta del numero legale seguita alla disponibilità del sindaco a confrontarsi con il consiglio”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin