Orchestra sinfonica, c'è il nuovo sovrintendente: è Antonino Marcellino :ilSicilia.it

solo un consigliere contrario alla nomina

Orchestra sinfonica, c’è il nuovo sovrintendente: è Antonino Marcellino

di
24 Giugno 2019

Antonio Marcellino è il nuovo Sovrintendente della Foss, la Fondazione orchestra sinfonica siciliana. Dopo la revoca “lampo” di Ester Bonafede, è lui l’uomo chiamato a traghettare quello che, negli ultimi giorni, è stato descritto come un carrozzone carico di “conflitti di interessi”.

La Bonafede era stata nominata i primi di giugno salvo poi essere revocata dal consiglio al termine di una lunga seduta che invece, secondo le preannunciate intenzioni del presidente del consiglio d’amministrazione, Stefano Santoro, sarebbe dovuta finire in tempi brevi.

Antonino Marcellino, musicologo, docente di Iconografia musicale all’Università della Calabria, professore universitario di musicologia a Roma, è membro dell Commissione Consultiva settore Musica del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Tra le altre cose, è anche fondatore e direttore del Festival Internazionale del Val di Noto “Magie Barocche“.

Sono molto soddisfatto che il cda si sia espresso favorevolmente alla nomina di Marcellino” dichiara a ilSicilia.it, il presidente del consiglio di amministrazione, Stefano Santoro.

La pagina sul polverone che ha visto come protagonista, la scorsa settimana, la Foss oramai è un capitolo chiuso”. Durante la votazione il vicepresidente del cda, Marco Intravaia, si è astenuto dal voto in quanto, pare, fosse propenso ad un commissariamento della Foss.

Abbiamo salvato dal commissariamento una delle Fondazioni più importanti in Italia”, conclude Santoro.

 

 

LEGGI ANCHE: 

Bufera Foss, incarichi paralleli e “conflitti d’interesse” scuotono l’Orchestra Sinfonica

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.