Orchestra sinfonica siciliana, il cda ha deciso: revocata la nomina a Ester Bonafede | VIDEO :ilSicilia.it

Il provvedimento voluto da stefano santoro

Orchestra sinfonica siciliana, il cda ha deciso: revocata la nomina a Ester Bonafede | VIDEO

di
17 Giugno 2019

Guarda il video in alto e in basso

Il consiglio di amministrazione dell’orchestra sinfonica Siciliana ha scelto di revocare la nomina a Ester Bonafede. L’ormai ex sovrintendente della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana era stata eletta con i voti del presidente Stefano Santoro e del consigliere Marco Intravaia.

Quest’ultimo non ha preso parte alla votazione durante la riunione di oggi, 17 giugno, che si è protratta ben oltre i “cinque minuti” preannunciati da Santoro. Infatti, la conferenza stampa prevista dopo la riunione del consiglio, fissata per le 16,30, è iniziata solo poco dopo le 18.

Una delle nomine più veloci della storia quella di Ester Bonafede in quanto la sua poltrona è durata poco più di dieci giorni. Proprio l’avvocato forzista Stefano Santoro, presidente del cda è stato il protagonista di questa revoca che ha lasciato stupiti molti politici della maggioranza del governo regionale, tra qui anche Gianfranco Miccichè, uomo chiave per il suo ruolo di sottogoverno. Lo stesso che aveva voluto proprio Santoro alla presidenza della Foss.

Il debito della Fondazione – ha spiegato Santoro è già in essere attraverso le leggi in materia di sgravi fiscali. L’attività artistica è attiva. Stiamo attenti ai tagli. Questa Fondazione è una eccellenza per la Sicilia. Io non sono un soggetto politico, sono stato nominato dal presidente della Regione. Lo statuto della Fondazione parla chiaro e noi dobbiamo garantirne l’indipendenza “.

Il curriculum della Bonafede aveva superato più di trentaquattro candidature, arrivate dopo l’annuncio della selezione per il posto che lei aveva già ricoperto per circa sette anni. A votare a favore della revoca sono stati il presidente Stefano Santoro, che l’ha proposta, i consiglieri Giulio Pirrotta e Sonia Giacalone. Come sottolineato in precendenza, è uscito al momento del voto, invece, il consigliere Marco Intravaia, che prima era stato nominato vice presidente.

Santoro ha spiegato che la nomina è stata revocata perché Ester Bonafede non ha presentato l’attestazione della sospensione dei procedimenti pendenti sul conflitto d’interessi, avendo un contenzioso aperto con la stessa Fondazione. Il Cda non ha tenuto conto di una mail inviata da Bonafede nelle ultime ore con la quale comunicava la disponibilità a rinunciare al contenzioso: “Non bastava a far cessare gli effetti giuridici del procedimento”.

Alla domanda sul perché questa richiesta di sospensione sia stata fatta dopo la nomina essendo noto che la Bonafede avesse un contenzioso pregresso, Santoro ha risposto: “Prima della nomina erano solo voci”.

La Fondazione ha un debito di oltre 7 milioni di euro e dovrà pagare rate di mutuo, a partire dal 2021 e fino al 2032, per oltre 600 mila euro all’anno, a fronte di 500 euro di incassi al botteghino. Da qui la domanda dei cronisti sul numero del personale dell’ente, in particolare gli amministrativi  (26 su 112): “Questa governance – ha risposto Santoro – non ha intenzione di tagliare alcun posto di lavoro, parliamo di persone che hanno famiglia”.

Poi parla dell’orizzonte temporale per la nomina di un nuovo sovrintendente: “Sarà scelto in tempi brevi, potremmo anche selezionarlo all’esterno della lista di chi aveva risposto alla manifestazione d’interesse”.

E intanto, un’interrogazione parlamentare al governo per fare chiarezza sulla gestione della Fondazione è stata presentata oggi all’Ars dal capogruppo di DiventeràBellissima, Alessandro Aricò: all’assessore al Turismo sono stati chiesti lumi sulla gestione del precedente Cda della Foss, sulla nomina dell’ex sovrintendente Giorgio Pace, sulla sua conferma anche dopo lo scioglimento del Consiglio, sulla situazione finanziaria dell’ente.  “La Foss è un patrimonio culturale importante – dice Aricò – che va salvaguardato e rilanciato facendo luce su aspetti poco chiari avvenuti nell’ultimo periodo. Credo che anche in questo Cda ci sia un consigliere con un conflitto di interessi”. 

 

Guarda il video in alto e in basso

 

LEGGI ANCHE:

Foss, è scontro politico: “voltafaccia” di Santoro ed esposto contro la vecchia gestione

Polverone investe l’Orchestra sinfonica, Miccichè durissimo: “Andrebbe commissariata”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin