Orchestra sinfonica siciliana, 'licenziato' il sovrintendente che risanò il bilancio della fondazione :ilSicilia.it

Pappalardo: "Applicata la legge"

Orchestra sinfonica siciliana, ‘licenziato’ il sovrintendente che risanò il bilancio della fondazione

di
28 Dicembre 2018

Quando nell’aprile 2016 Giorgio Pace è stato nominato sovrintendente della Fondazione orchestra sinfonica siciliana (Foss) di Palermo, l’ente aveva oltre 12 milioni di debiti. Adesso (per il terzo anno consecutivo) ha il bilancio in attivo. Ma la Regione siciliana, da cui dipende la Foss, il 24 dicembre scorso l’ha ‘licenziato‘ (tre mesi prima che scadesse il suo mandato), nominando al suo posto un commissario ad acta. Pace fino all’inizio del 2018 è stato anche commissario straordinario allo Stabile di Catania, chiuso da cinque mesi prima del suo arrivo, e anche lì ha sistemato i conti.

L’assessore regionale allo Spettacolo, Sandro Pappalardo, spiega che ha solo applicato la legge: “Tre dei cinque membri del Cda si erano dimessi e le norme mi obbligano a intervenire con la nomina di un commissario. La stessa cosa ho fatto con i teatri di Messina e Catania“. Pace, che ha annunciato ricorso, ribatte che “compito dell’assessore non è la nomina di un commissario, ma la sostituzione dei membri mancanti del Cda“. I rumors dicono che l’operazione palermitana prelude a un ritorno alla Foss di Ester Bonafede, ex assessore ed ex parlamentare regionale centrista, che già era stata sovrintendente della Foss per otto anni.

La Foss – trasformata il fondazione soltanto nel 2001 – opera dal ’58, quando si chiamava Oss, e ha 113 dipendenti (erano 141 nel 2016), di cui 74 orchestrali stabili; le spese per il personale ammontano a 7,2 milioni. La spesa per l’attività artistica era di appena 350 mila euro, cresciuta in meno di tre anni fino agli attuali 1,2 milioni. Con la vecchia gestione, i fornitori e gli artisti esterni non ricevevano pagamenti dal 2011, sbloccati nel 2016. Pace ha fatto un prestito a 30 anni per estinguere tutti i debiti, 7 milioni dei quali costituiti da cartelle esattoriali. Sulla rimozione del sovrintendente, M5S e Pd hanno annunciato interrogazioni parlamentari.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin