Orchestra sinfonica siciliana, Maria Elena Volpes è la nuova presidente :ilSicilia.it
Palermo

la designazione dell'assessore Messina

Orchestra sinfonica siciliana, Maria Elena Volpes è la nuova presidente

di
23 Gennaio 2020

Morto un papa se ne fa un altro” diceva un proverbio romano. Dopo un mese dalle dimissioni dell’avvocato Stefano Santoro l’orchestra sinfonica di Palermo avrà un nuovo presidente: Maria Elena Volpes. L’ex sovrintendente ai Beni Culturali di Palermo, da qualche anno è componente del Cda della Fondazione Federico II. La designazione arriva attraverso l’assessore al Turismo Manlio Messina. L’insediamento ufficiale arriverà tra qualche giorno a seguito del decreto del presidente della Regione Nello Musumeci.

Dall’estate scorsa al teatro Politeama è successo davvero di tutto. Dal defenestramento lampo da parte del Cda di Ester Bonafede designata sovrintendente della Foss. Al suo posto il professor Antonio Marcellino. Allo scontro tra l’ex presidente Santoro e il comune di Palermo per la presunta morosità dell’associazione “Amici della Musica”, cui Santoro contestava mancati pagamenti per l’utilizzo del teatro per 800mila euro. Battaglia politica persa dall’avvocato penalista Santoro con le sue conseguenti dimissioni.

A giorni l’assessore Messina dovrebbe designare il quinto componente del consiglio di amministrazione della Foss.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin