18 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.48
Palermo

28 concerti in programma

Orchestra Sinfonica Siciliana: si festeggia la sessantesima stagione | Video Interviste

19 Giugno 2018

Guarda le video interviste in alto 

PALERMO – Compleanno importante quello dell’Orchestra Sinfonica Siciliana che, con il concerto d’apertura del 26 ottobre prossimo, festeggerà la sessantesima stagione di attività.

Orchestra Sinfonica SicilianaLa nuova stagione, svelata alla stampa alla presenza del sovrintendente Giorgio Pace, del Maestro Marcello Panni, dell’assessore al Turismo, Sport e Spettacolo Sandro Pappalardo, e di Marcello Giacone, nuovo presidente del CdA, s’inserisce nel solco tracciato fin dagli inizi e che ha fatto dell’Orchestra Sinfonica Siciliana un’orchestra apprezzata in tutto il mondo, poliedrica, flessibile capace di esprimere un’equilibrata e coraggiosa  miscela di sperimentazione e contemporaneità.

E’ una stagione intensa che si aprirà con il concerto di Stefano Bollani e il russo Evgeny Bushkov dice il direttore artistico Marcello Panni –  che qui presenterà un pezzo nuovo, il Concerto Azzurro. Altri appuntamenti esaltanti saranno costituiti dai concerti di Salvatore Sciarrino e Ute Lemper”.

ute-lemper

Tantissimi gli artisti presenti tra interpreti e direttori d’orchestra per un totale di 28 appuntamenti che si alterneranno sul palco del Teatro Politeama tra i quali Daniel Smith (14 dicembre), Oleg Caetani (26 aprile) e Claire Levacher (2 novembre), Maxime Pascal (30 novembre), Roberto AbbondanzaBarry Douglas (8 marzo), Julian Kuerti, con il violoncellista Francis Gouton; e ancora il soprano Sandrine PiauEvgeny Bushkov (22 febbraio), Giuseppe Albanese (1 marzo), Gabor Takacs Nagy, il 22 marzo, con la violinista russa Patricia Kopachinskaja.

Tra le sezioni in cartellone ci sarà spazio, come sempre, per i talenti in erba con la rassegna “Giovani interpreti italiani per Beethoven” e poi il progetto “Integrale Šostakovič” e alcuni concerti straordinari come quello che si terrà a Roma il 4 dicembre nell’Aula Magna dell’Università “La Sapienza”, diretto da Maxime Pascal.

Fuori abbonamento il Concerto di Natale (16-18 dicembre) con l’Orchestra Giovanile Siciliana e il Coro di voci bianche della Fondazione protagonisti, e la partecipazione eccezionale di Uto Ughi. Il Concerto di Capodanno,  vedrà Gabor Takacs Nagy sul podio, con la soprano Polina Pasztircàk.

Sarà anticipata alla prima quindicina di ottobre (8-14) la settimana di musica sacra di Monreale; ancora tanti gli incontri della domenicali e di approfondimento, il calendario dettagliato è disponibile sul sito della Fondazione.

In piazza, fra gli alberi e nei teatri antichi, invece, si animerà la stagione estiva dell’Orchestra Sinfonica al via il 23 giugno con un concerto in piazza Ruggiero Settimo diretto da Maria Luisa Macellaro La Franca.

La stagione prevede una doppia produzione, la classica e la jazz.

piovani

La prima consta di cinque produzioni programmate tutte il giovedì all’Orto Botanico (28 giugno, 5, 12, 19, 26 luglio) con replica il sabato a Piazza Ruggero Settimo (30 giugno, 7, 21, 28 luglio) e decentramento domenicale in alcune sedi regionali di rilievo come Segesta (22 luglio) e Gibellina (31 luglio).

Altri concerti programmati saranno il 14, 15, 29 luglio a Terrasini, Alcamo e Ciminna, nel Duomo di Monreale (20 luglio) e nella Villa Margherita di Trapani (16 settembre).

Chiuderà Nicola Piovani al Teatro Antico di Taormina (4 agosto), con replica al Teatro Romano di Catania (5 agosto).

Dopo una breve pausa l’attività dell’Orchestra Sinfonica Siciliana riprenderà, nel mese di settembre, con quattro concerti all’Orto Botanico dedicati alle otto sinfonie di Beethoven.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.