Orchestra Sinfonica Siciliana: si festeggia la sessantesima stagione | Video Interviste :ilSicilia.it
Palermo

28 concerti in programma

Orchestra Sinfonica Siciliana: si festeggia la sessantesima stagione | Video Interviste

di
19 Giugno 2018

Guarda le video interviste in alto 

PALERMO – Compleanno importante quello dell’Orchestra Sinfonica Siciliana che, con il concerto d’apertura del 26 ottobre prossimo, festeggerà la sessantesima stagione di attività.

Orchestra Sinfonica SicilianaLa nuova stagione, svelata alla stampa alla presenza del sovrintendente Giorgio Pace, del Maestro Marcello Panni, dell’assessore al Turismo, Sport e Spettacolo Sandro Pappalardo, e di Marcello Giacone, nuovo presidente del CdA, s’inserisce nel solco tracciato fin dagli inizi e che ha fatto dell’Orchestra Sinfonica Siciliana un’orchestra apprezzata in tutto il mondo, poliedrica, flessibile capace di esprimere un’equilibrata e coraggiosa  miscela di sperimentazione e contemporaneità.

E’ una stagione intensa che si aprirà con il concerto di Stefano Bollani e il russo Evgeny Bushkov dice il direttore artistico Marcello Panni –  che qui presenterà un pezzo nuovo, il Concerto Azzurro. Altri appuntamenti esaltanti saranno costituiti dai concerti di Salvatore Sciarrino e Ute Lemper”.

ute-lemper

Tantissimi gli artisti presenti tra interpreti e direttori d’orchestra per un totale di 28 appuntamenti che si alterneranno sul palco del Teatro Politeama tra i quali Daniel Smith (14 dicembre), Oleg Caetani (26 aprile) e Claire Levacher (2 novembre), Maxime Pascal (30 novembre), Roberto AbbondanzaBarry Douglas (8 marzo), Julian Kuerti, con il violoncellista Francis Gouton; e ancora il soprano Sandrine PiauEvgeny Bushkov (22 febbraio), Giuseppe Albanese (1 marzo), Gabor Takacs Nagy, il 22 marzo, con la violinista russa Patricia Kopachinskaja.

Tra le sezioni in cartellone ci sarà spazio, come sempre, per i talenti in erba con la rassegna “Giovani interpreti italiani per Beethoven” e poi il progetto “Integrale Šostakovič” e alcuni concerti straordinari come quello che si terrà a Roma il 4 dicembre nell’Aula Magna dell’Università “La Sapienza”, diretto da Maxime Pascal.

Fuori abbonamento il Concerto di Natale (16-18 dicembre) con l’Orchestra Giovanile Siciliana e il Coro di voci bianche della Fondazione protagonisti, e la partecipazione eccezionale di Uto Ughi. Il Concerto di Capodanno,  vedrà Gabor Takacs Nagy sul podio, con la soprano Polina Pasztircàk.

Sarà anticipata alla prima quindicina di ottobre (8-14) la settimana di musica sacra di Monreale; ancora tanti gli incontri della domenicali e di approfondimento, il calendario dettagliato è disponibile sul sito della Fondazione.

In piazza, fra gli alberi e nei teatri antichi, invece, si animerà la stagione estiva dell’Orchestra Sinfonica al via il 23 giugno con un concerto in piazza Ruggiero Settimo diretto da Maria Luisa Macellaro La Franca.

La stagione prevede una doppia produzione, la classica e la jazz.

piovani

La prima consta di cinque produzioni programmate tutte il giovedì all’Orto Botanico (28 giugno, 5, 12, 19, 26 luglio) con replica il sabato a Piazza Ruggero Settimo (30 giugno, 7, 21, 28 luglio) e decentramento domenicale in alcune sedi regionali di rilievo come Segesta (22 luglio) e Gibellina (31 luglio).

Altri concerti programmati saranno il 14, 15, 29 luglio a Terrasini, Alcamo e Ciminna, nel Duomo di Monreale (20 luglio) e nella Villa Margherita di Trapani (16 settembre).

Chiuderà Nicola Piovani al Teatro Antico di Taormina (4 agosto), con replica al Teatro Romano di Catania (5 agosto).

Dopo una breve pausa l’attività dell’Orchestra Sinfonica Siciliana riprenderà, nel mese di settembre, con quattro concerti all’Orto Botanico dedicati alle otto sinfonie di Beethoven.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.