Orestiadi di Gibellina, dal 15 luglio gli spettacoli. Festival al via con Beppe Servillo | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Ai nastri di partenza la prestigiosa manifestazione teatrale

Orestiadi di Gibellina, dal 15 luglio gli spettacoli. Festival al via con Beppe Servillo

13 Luglio 2017

A inaugurare la XXXVI edizione del Festival Internazionale delle Orestiadi di Gibellina, diretta da Claudio Collovà è Beppe Servillo sabato 15 luglio alle 21.15 con il Pathos Ensemble e L’histoire du soldat.

Nell’anno finale della Grande Guerra, esule in Svizzera dopo la confisca di tutti i suoi beni a causa della rivoluzione russa, privo di ogni mezzo di sostentamento, Igor Stravinsky, ispirandosi alle fiabe russe di Afanasiev, compose Histoire dusoldat, in collaborazione con lo scrittore Charles-Ferdinand Ramuz, anch’egli profugo.

La vicenda narra di un soldato che, tornato a casa in licenza, viene blandito dal diavolo il quale gli sottrae il violino in cambio di un libro capace di realizzare ogni suo desiderio.  In tre giorni tutti i sui sogni si realizzano, ma al risveglio, tornato a casa, si rende conto che sono trascorsi tre anni, sua moglie si è risposata e il suo posto nel focolare domestico è stato rimpiazzato. Ridiventato povero, il soldato riprende il cammino del profugo, giunge nel regno governato da un re la cui figlia malata sposerà chi sarà capace di guarirla. Con il suo violino, riconquistato al diavolo con

uno stratagemma, seduce la principessa che, danzando un tango, un valzer e un ragtime, cade fra le sue braccia. Il tradizionale lieto fine viene tuttavia rovinato dal diavolo che reclama il violino e l’anima del soldato come stabilito dal patto, portandoselo via con una marcia trionfale.

Il giorno seguente domenica 16 luglio la Compagnia Marionettistisca Fratelli Napoli presenterà La tragedia di Macbeth. Il festival che si svolgerà quest’anno dal 15 luglio al 12 agosto presenta: 20 spettacoli; 7 concerti; 4 prime nazionali; 1 mese di eventi.

Il pubblico delle Orestiadi potrà usufruire degli spazi della Fondazione per visitare il Museo delle Trame Mediterranee. Le nuove mostre allestite, curate dall’Arch. Vincenzo Fiammetta, in coincidenza con le date dei primi due spettacoli, sono le seguenti: Mimmo Paladino a Gibellina, il cui vernissage è previsto per sabato 15 luglio alle 19.00 alla Fondazione Orestiadi;  domenica 16 si svolgerà l’inaugurazione di A29 Palermo Gibellina, alle 19.30.

Sarà possibile degustare i prodotti gastronomici a chilometro zero accompagnandoli con quanto disponibile dalla variegata offerta della cantina Tenute Orestiadi anche quest’anno.

Spettacoli al Baglio Di Stefano, Gibellina (TP), ore 21.15

biglietti: intero 12 € – ridotto 8 €, abbonamento 8 ingressi 70 €

riduzione valida per residenti a Gibellina, studenti universitari in possesso di libretto in corso di validità, under25, over65 /PMO card.

Prevendite Palermo: Modusvivendi, via Quintino Sella, 79 _ T 091 323493; Libreria Easy Reader, via Alessandro Paternostro, 71 _ T 091585223

Prevendite Trapani: Libreria del Corso, Corso Vittorio Emanuele, 61 _ T 0923 26260

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.