Orestiadi: Marco Paolini mette in scena un insolito Ulisse contemporaneo | VIDEO - FOTO :ilSicilia.it
Trapani

Uniche due tappe in Sicilia

Orestiadi: Marco Paolini mette in scena un insolito Ulisse contemporaneo | VIDEO – FOTO

di
24 Luglio 2019

Guarda il trailer in alto 

Nel weekend del 27 e 28 luglio, ore 21.15 al Baglio di Stefano, il festival delle Orestiadi di Gibellina ospiterà le uniche due date in Sicilia de “Nel tempo degli Dei – il calzolaio di Ulisse” di Marco Paolini e Francesco Niccolini, regia di Gabriele Vacis.

In scena oltre a Paolini Saba Anglana, Elisabetta Bosio, Vittorio Cerroni, Lorenzo Monguzzi, Elia Tapognani.

Lo spettacolo “canta” le gesta di un Ulisse navigato e stanco di sangue che racconta la sua avventura a un giovanissimo dio/pastore, un ragazzo di oggi, impaziente, curioso che vuole condividere sui social gli aspetti più pulp dell’avventura omerica.

Marco Paolini, in questa sua personale rilettura, attualizzata e smitizzata dell’Odissea, vuol raccontare un Ulisse saggio confuso e disorientato che ha bisogno di continuare a conoscere e capire, un uomo che forse non riuscirà mai a placare i vecchi e nuovi demoni che lo albergano, alla fine trionfa la stanchezza umana di Ulisse, la sua disillusione, la sua estenuante malinconia.

Un canto che coinvolge musicisti e attori, che è una riflessione sull’uomo e sul destino, sul restare umani e il senso del limite, sul sentirsi e essere déi, temi che permettono di trovare chiavi di contemporaneità forti ed evidenti.

Ulisse più lo conosci e più ti porta lontano – si legge nella nota di Paolini – E la distanza è la condizione essenziale per comprenderlo e cantarlo. Perché di questo si tratta: un canto. Un canto che racconta di un ex guerriero ed eroe, Ulisse, ridotto a calzolaio viandante, che da dieci anni cammina verso non si sa dove con un remo in spalla, secondo la profezia che il fantasma di Tiresia, l’indovino cieco, gli fa nel suo viaggio nell’al di là, narrato del X canto dell’Odissea. Questo Ulisse pellegrino e invecchiato non ama svelare la propria identità e tesse parole simili al vero. Si nasconde, racconta balle, si inventa storie alle quali non solo finisce col credere, ma che diventano realtà e addirittura mito (…) Questo e molto altro, sotto le mentite spoglie di un calzolaio – anzi, del calzolaio di Ulisse, uno straniero dai sandali sdruciti, indurito dagli anni, dall’età, dai viaggi e dai naufragi – racconta il protagonista ad un giovanissimo capraio incontrato apparentemente per caso”.

Lo spettacolo è prodotto da Jolefilm e Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa.

  • foto di Gianluca Moretto

SCORRI LE FOTO IN BASSO:

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro