Orge e droga nella caserma di Piacenza: coinvolti quattro militari siciliani :ilSicilia.it

numerosi i reati contestati

Orge e droga nella caserma di Piacenza: coinvolti quattro militari siciliani

di
23 Luglio 2020

Non c’è solo il maresciallo dei carabinieri Marco Orlando (originario di Petralia Sottana, finito ai domiciliari) nella rete degli “infedeli” di Piacenza. Sono in tutto 4 i siciliani coinvolti nell’operazione Odysséus della Finanza e della polizia locale che ha portato al sequestro di un’intera caserma a Piacenza.

Nella sede “Levante” di via Caccialupo sono scattate 22 misure di ordinanza cautelare (12 in carcere, 5 domiciliari, 4 obbligo di firma, 1 obbligo di dimora) e una denuncia a piede libero.

Tra i nomi dei militari coinvolti ci sono anche Marco Marra (finanziere con l’obbligo di firma, ed è accusato di rivelazione e utilizzazione di segreti di ufficio) e Salvatore Cappellano (appuntato dei carabinieri finito in carcere), entrambi originari di Catania; Marra (classe 1989) è finanziare in forza al nucleo Cinofili di Piacenza, mentre Cappellano (classe 1983) è appuntato scelto nella caserma Levante di Piacenza.

A loro si aggiunge il carabiniere Daniele Spagnolo – classe 1990 – nato a Salemi (TP), finito in carcere.

I militari sono accusati a vario titolo di: spaccio, ricettazione, estorsione, arresto illegale, tortura, lesioni personali aggravate, peculato, abuso d’ufficio, rivelazione ed uso di segreti d’ufficio, falsità ideologica, perquisizione e ispezioni personali arbitrarie, violenza privata aggravata, truffa ai danni dello Stato.

 

 

LEGGI ANCHE:

“Arresti illegali e spaccio”, scandalo nella caserma: a guidarla un madonita

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.