Orlandina, buona la prima: Bergamo cede il passo in gara uno :ilSicilia.it
Messina

BENFAPP AVANTI NELLA SERIE 1-0

Orlandina, buona la prima: Bergamo cede il passo in gara uno

di
26 Maggio 2019

L’Orlandina non sbaglia la prima di semifinale del 25 maggio e batte Bergamo con un rotondo 90-73. Il quintetto di coach Sodini indirizza la gara nel secondo quarto, per poi gestire durante il resto dell’incontro. Bergamo rimane in partita solo all’inizio, poi tenta un disperato rientro durante il terzo quarto ma viene spenta dai suoi stessi errori in attacco. Gli orobici hanno conquistato molti palloni a rimbalzo, ma con percentuali di realizzazione troppo basse. Devastante, come al solito, l’impatto sulla gara di Brandon Triche, 35 punti e 13 assist in 28 minuti di partita.

Parte bene Capo d’Orlando, che inizia a condurre il match già dalle fasi iniziali con una tripla di Triche. Bergamo però rimane in partita grazie all’azione di Casella e alle giocate di Roderick, croce e delizia dei suoi, chiudendo così il primo quarto sul -3. La ripresa si apre con i bergamaschi che accorciano le distanze e si portano sul -1, ma gli errori orobici da un lato e la tripla di Triche dall’altro, riportano Capo d’Orlando a distanza di sicurezza.

A metà secondo quarto sale in cattedra Jordan Parks, il quale piazza tre triple pesantissime che, unite al canestro da due di Bruttini, portano la Benfapp fino al +17 di parziale. Bergamo, dal canto suo, conquista tanti rimbalzi offensivi ma non riesce mai a concretizzarli, tirando con il 29% di squadra a metà gara. Il secondo quarto si spegne sul 48-34 per l’Orlandina.

Al rientro dagli spogliatoi, parte bene l’Orlandina con Bellan, che piazza 5 punti consecutivi in apertura di quarto. La Benfapp sembra in pieno controllo dell’incontro ma Bergamo reagisce e si riporta sotto, approfittando di un momento di confusione offensivo dell’Orlandina. Benvenuti trascina i suoi con 8 punti consecutivi e riporta i suoi fino al -7. Marco Sodini chiama time-out ma è solo grazie agli errori offensivi di Bergamo che l’Orlandina sopravvive all’assalto bergamasco. L’esperienza di Brandon Triche (canestro con fallo che porta tre punti) e la precisione di Parks (implacabile dall’arco) fanno il resto, ristabilendo le distanze e portando la Benfapp sul +16 alla fine del terzo quarto.

L’ultimo quarto è un puro atto di esercizio stilistico, deciso dall’antisportivo di Zugno che consegna cinque punti alle casse dell’Orlandina. La partita si chiude con la resa di Bergamo, il pallone posato a terra e la Benfapp che vince 90-73. Migliore in campo Brandon Triche, devastante per quantità e qualità del suo gioco, nonché per le sue percentuali realizzative. Lunedì si torna in campo per gara due, con l’Orlandina che cercherà di porre sui binari giusti la serie di semifinale.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.