19 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.05
Palermo

Lo spettacolo di oggi comincerà alle 17,30, il costo del biglietto è di 10 euro (ridotto 5 euro).

Pupi siciliani, oggi la Nascita di Orlandino del puparo Mancuso

20 Dicembre 2016

Fino al 30 dicembre si susseguiranno una serie di spettacoli a tema natalizio di Pupi Siciliani presso il teatro stabile Carlo Magno, in  via Collegio di Santa Maria n. 17 (zona Porto di Palermo – alle spalle della Camera di Commercio) . Durante la giornata di oggi sarà la volta della “Nascita di Orlandino“, tratto da antichi canovacci e con libero adattamento scenico del puparo Enzo Mancuso, sua anche la regia.

La storia

Questa rappresentazione adatto ad un pubblico eterogeneo di grandi e piccoli racconta le disavventure avute da Berta e Milone (genitori di Orlandino) dopo che sono stati banditi dall’Imperatore Carlo Magno e costretti di conseguenza a fuggire da Parigi. Berta e Milone, durante la fuga nel bosco incontrano e liberano dalle mani di due ladroni la principessa Galisena che raccontando la sua triste storia si accorgono come per molti versi rispecchia la loro e decidono insieme di seguire lo stesso cammino.

Nel frattempo Carlo Magno mentre è in preda alla disperazione per l’affronto subito, nella sua stanza gli appare in visione un angelo, è decide di far solo bandire e non fare uccidere i due amanti poiché ha saputo dal messaggero di Dio che sua sorella è in gravidanza e che il bambino che porta in grembo diventerà la bandiera della cristianità; allora riunito il consiglio manda un messo al papa per informare che sua sorella e Milone sono solo banditi dalle terre di Francia e grazie all’intervento tempestivo del papa, Milone viene salvato da una sicura morte dalle mani di Ginamo e Gano. Dopo varie peripezie Berta informa Galisena della sua gravidanza e finalmente nasce Orlandino.

Lo spettacolo di oggi comincerà alle 17,30, il costo del biglietto è di 10 euro (ridotto 5 euro). Per info e prenotazioni tel. 0918146971 – cell. 3475792257 Email: teatrocarlomagno@libero.it.“

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.