20 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.07

Sindaci tra passato e futuro

Orlando, Bianco e quelli che… Il tempo si è fermato, ma i problemi sono rimasti

8 Agosto 2018

La  vecchia guardia “storica” dei sindaci della Sicilia di ieri accusa un profondo e complicato passaggio a vuoto. Enzo Bianco a Catania ha perso le amministrative contro Salvo Pogliese non solo per effetto di una migliore circostanza elettorale, che pure ha influito, del centrodestra siciliano. L’ex ministro degli Interni e più volte sindaco di Catania aveva perduto negli ultimi tempi smalto e ritmo sotto i colpi di una burocrazia intermittente che in diversi casi aveva finito per metterlo in difficoltà.

Orlando a Palermo attraversa un momento ancora più difficile, che per sua fortuna, avviene a urne elettorali ancora, almeno in apparenza, lontane. I rilievi pesantissimi della Corte dei conti sui rendiconti degli ultimi anni fanno il paio con la situazione incancrenita delle società municipalizzate palermitane. Il”professore” appare meno reattivo del passato e su questioni come il rilancio della differenziata a Palermo, arranca in palese difficoltà.

Il fatto è che, spesso, al sindaco di Palermo i problemi li hanno risolti i suoi avversari politici, spesso poco motivati e non troppo abili a mettere in risalto nei giusti tempi e modi i limiti dell’amministrazione palermitana.

Il futuro dei sindaci “anni 90” che hanno resistito per un ventennio nel nuovo secolo è assai in discussione.

Orlando del risanamento del suo bilancio aveva fatto, giustamente, un fiore all’occhiello, mentre Bianco ha dovuto lasciare in pre-dissesto la sua Catania a Salvo Pogliese. Perché i numeri e i conti alla fine non mentono e il procrastinare situazioni senza soluzioni è un boomerang che torna all’improvviso.

Nel consiglio comunale di Palermo non emergono né leader né outsider. Il massimo dell’impegno è profuso a cambiare casacche nella logica politicamente più redditiva. Un lungo lavoro ai fianchi nei confronti dell’amministrazione Orlando si preannuncia già nei prossimi mesi anche se nessuno vuole in fondo lo scontro finale e il ritorno al voto oggi.

Le “nomination” di oggi , in ogni caso, non sarebbero le candidature di domani.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Cosa vi sta capitando?

Il telefonino quale strumento “democratico” alla portata di tutti, dal Papa al migrante appena sbarcato. Ma credete veramente che chi muove le fila delle marionette potesse permettere la diffusione di “strumenti democratici” se non per altri fini che di democratico non hanno nulla?
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.