Orlando contestato dalla folla a Brancaccio davanti alla casa di Padre Puglisi. La Lega: "Ha finito la sua epoca | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

ieri pomeriggio

Orlando contestato dalla folla a Brancaccio davanti alla casa di Padre Puglisi. La Lega: “Ha finito la sua epoca | VIDEO

di
16 Settembre 2018

Guarda il video in alto

Una contestazione nei confronti del sindaco Leoluca Orlando è andata in scena ieri pomeriggio a Brancaccio, durante una delle manifestazioni organizzate per la visita di Papa Francesco  a Palermo.

“Ieri pomeriggio – racconta il capogruppo della Lega in Consiglio Comunale, Igor Gelarda –  dopo essersi rifiutato di incontrare il presidente del consiglio Conte e di dare quindi un segnale di legalità e di Stato agli uomini e alle donne di Brancaccio e soprattutto agli studenti della scuola Don Pino Puglisi, il sindaco Orlando è stato duramente contestato, proprio a Brancaccio davanti alla casa del parroco ucciso dalla mafia”.

“È chiaro – aggiunge – che la disposizione d’animo dei palermitani nei suoi confronti è cambiata, non è più il loro sindaco, non è più il sindaco di Palermo è solo un rappresentante di se stesso e di qualche altro radical chic che vive Palermo in terza persona, di un vecchio modo di fare politica.”.

Orlando  ha finito la sua epoca, sarebbe più saggio più dignitoso da parte sua farsi da parte senza che lo costringano gli eventi. È il tempo del nuovo – conclude Gelarda -è il tempo di chi mette Palermo e i palermitani al centro della propria agenda politica”.

 

Guarda il video in basso

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.