Orlando convoca la maggioranza, innesti in giunta. Una poltrona anche per le sardine :ilSicilia.it
Palermo

dopo gli schiaffi politici degli ultimi tempi

Orlando convoca la maggioranza, innesti in giunta. Una poltrona anche per le sardine

di
18 Febbraio 2020

I non pochi problemi amministrativi di questi tempi che attanagliano i pensieri del sindaco Orlando fanno pigiare il piede sull’acceleratore al primo cittadino di Palermo e lo spingono a nuovi innesti in giunta.

Numerosi sono stati gli schiaffi politici che Orlando ed alcuni del suo “staff” hanno ricevuto negli ultimi tempi, come l’assessore alla Mobilità Giusto Catania.

TANTI I PROBLEMI DA RISOLVERE

La discarica di Bellolampo chiusa e le proteste di Rap, l’inagibilità del mercato ittico con la conseguente protesta dei lavoratori, la sospensione del Tar in merito alla ZTL notturna e, per finire, l’emergenza cimitero dei Rotoli dopo lo scandalo delle 300 bare in attesa di sepoltura.

E come facciamo a dimenticare la nomina del commissario ‘straordinario’ per i servizi cimiteriali di Palermo, Gabriele Marchese, che al momento rimane “congelata”. Ecco, queste sono solo alcune delle incombenze che attanagliano il primo cittadino e i suoi uomini.

Quindi oggi l’ evergreen Orlando ha chiamato a raccolta la sua maggioranza, a quanto pare, per scoprire le carte in merito ai nomi che andranno a dare man forte alla giunta.

L’unico nuovo che avanza sembra essere l’innesto di un giovane delle sardine che dovrebbe andare a ricoprire la poltrona più alta di un assessorato del comune di Palermo. Per il resto, i nomi che pare debba nominare sono antichi e già cotti in tutte le salse a Palazzo delle Aquile. Ossia: L’ex vicesindaco Emilio Arcuri e Sergio Marino ex assessore alle attività produttive.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.