Orlando e Musumeci assenti a Brancaccio: "Ecco com'è andata" | VIDEO SERVIZIO :ilSicilia.it
Palermo

Parla il docente che ha organizzato la visita del premier Conte

Orlando e Musumeci assenti a Brancaccio: “Ecco com’è andata” | VIDEO SERVIZIO

18 Settembre 2018
Guarda il video servizio con l’intervista in alto

A distanza di giorni non si placano le polemiche sollevate dall’assenza, e dalle successive dichiarazioni, del presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, e del sindaco Leoluca Orlando alla visita istituzionale che ha visto il Premier Conte inaugurare l’anno scolastico all’istituto Don Pino Puglisi a Brancaccio.

Domenico Buccheri Brancaccio

Il docente di Religione Domenico Buccheri che ha gestito l’incontro, coadiuvato dal dirigente scolastico e dai colleghi, ai nostri microfoni racconta come si è svolta l’organizzazione e il criterio con cui sono stati diramati gli inviti a tutte le cariche istituzionali e non.

Per tradizione questa scuola dal 2000, anno in cui venne inaugurata dal Presidente Ciampi alla presenza dell’allora sindaco Orlando, ha voluto aprire l’anno scolastico invitando le più alte cariche dello Stato per avvicinare i nostri ragazzi alle istituzioni. Gli inviti sono sempre stati gestiti da noi in tutti questi anni“.

Il Premier Conte ha accolto da subito l’invito della scuola e, dopo la conferma definitiva da parte del Cerimoniale di Palazzo Chigi, “ai primi di settembre la macchina organizzativa si è messa in moto invitando come da nostro protocollo – continua il professore Buccheri – nell’ordine il presidente della Regione, il Sindaco, il Prefetto e l’arcivescovo di Palermo, così come è stato per la visita di Renzi lo scorso anno“.

Abbiamo avuto riscontro immediato positivo da parte di tutti o telefonicamente o attraverso gli uffici che gestiscono le varie agende; solo da Miccichè, presidente dell’Ars, non abbiamo avuto risposta e abbiamo ritenuto che fosse un diniego“.

scuola don pino puglisi

La testimonianza rilasciata dal docente, che opera nella scuola a Brancaccio da vent’anni, sottolinea come il supporto dell’amministrazione sia fondamentale per la crescita sociale dell’intero quartiere: “La mafia non si combatte solo con le parole, si combatte avvicinando i ragazzi alle istituzioni, nutrendo la fiducia verso le istituzioni. Lo sgarbo è stato fatto alle famiglie di questo quartiere“.

Per quanto riguarda l’assenza del presidente Musumeci “gli uffici con i quali mi sono rapportato fino a ieri – conclude Buccheri – mi hanno confermato che la mancata presenza è stata dovuta ad un imprevisto dell’ultimo momento“.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.