Orlando e Pogliese, quando i sindaci per uscire dalle corde devono mettere a posto i conti dei loro Comuni :ilSicilia.it

le difficoltà finanziarie dei Comuni siciliani

Orlando e Pogliese, quando i sindaci per uscire dalle corde devono mettere a posto i conti dei loro Comuni

1 Ottobre 2018

Palazzo Comitini, più o meno tre anni fa. Due sindaci, di cui uno della fascia tirrenica e l’altro delle zone interne  del Palermitano, scendono insieme le scale dopo un incontro con il commissario: “Ma tu che problemi hai, fa il primo, il dissesto lo ha dovuto dichiarare, o lo hai trovato? E il secondo : “L’ho trovato… certo” “Questa è la fortuna”, conclude l’altro. Una parabola realistica di come l’argomento “dissesto” o criticità finanziaria spesso diventi un alibi importante sull’impotenza ad agire. Altre volte e nel caso delle città più grosse e cariche di problemi, il livello di consolazione, diminuisce sensibilmente.

Le difficoltà finanziarie di bilancio di Salvo Pogliese a Catania e di Leoluca Orlando a Palermo pongono l’accento su una crisi di sistema, organizzativa e strutturale degli enti locali a cui, anche in Sicilia, non è estranea l’armonizzazione contabile, il nuovo sistema entrato in vigore nel 2015. Molti amministratori in questi anni hanno dovuto procedere nel tempo a un riaccertamento straordinario dei residui attivi e passivi e questo ha portato alla cancellazione di molti cifre divenuti inesigibili, creando un vuoto e un mancato equilibrio tra le risorse.

Inoltre oggi, rispetto al passato, l’impegno è collegato all’anno di spesa e il bilancio non è più solo di previsione, ma ha carattere autorizzatorio. Le singole poste di bilancio non possono essere più genericamente individuate, ma collegate a un obiettivo da raggiungere.

Il ritorno dopo 20 anni della previsione di cassa, ha causato per altro verso la necessità di continue variazioni di bilancio. Non è un caso infatti che a Palermo le principali contestazioni, o alcune delle più rilevanti tra le altre, hanno riguardato un eccesso di debiti fuori bilanci ai residui passivi, e problemi sul fondo crediti di dubbia esigibili alla tesoreria e alle anticipazioni della Cassa depositi e prestiti. La linearità dei passaggi e la conseguenzialità degli atti dunque attraversano uno schema che lascia sempre minori margini di approssimazione ( e di improvvisazione). Quali diventano al termine di questo lungo rosario di operazioni tecniche e contabili i margini di manovra e di gestione dei sindaci diventa quindi un quesito molto complesso.

Con questo non significa che i primi cittadini debbano pensare di potere accampare scuse in eterno. Tra Orlando e Pogliese poi la differenza nell’ordine di mandato è centrale. Orlando è succeduto a se stesso, per la seconda volta in 25 anni, sommando un decennio consecutivo complessivo, tra una cosa e l’altra, Pogliese ha ereditato dall’amministrazione di Enzo Bianco un quadro fortemente pregiudicato. Ciò premesso a entrambi conviene trovare in tempi rapidi soluzioni che consentano di uscire dall’angolo. E se per Orlando il quadro è aggravato dalla considerazione che lo stesso sindaco aveva legittimamente rivendicato negli ultimi anni il risultato di un bilancio risanato, Pogliese dovrà monetizzare l’interlocuzione con Roma e con Matteo Salvini attraverso soluzioni rapide o comunque velocemente intercettate e condivise.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.