Orlando, Roma e il gioco delle tre carte, pochi soldi in arrivo per la crisi idrica :ilSicilia.it

Perplessità e delusione dopo la dichiarazione del governo

Orlando, Roma e il gioco delle tre carte, pochi soldi in arrivo per la crisi idrica

di
10 Febbraio 2018

Orlando si aspettava di più. Risorse più consistenti per impattare sulla drammatica crisi idrica. Da Roma invece pare che arriverà poco o nulla. In attesa di conoscere i contenuti dell’ ordinanza di Protezione civile  sull’emergenza idrica di Palermo, l’Amap continua a rinviare, ancora per qualche giorno il razionamento dell’acqua su Palermo. Perche?

Non è un mistero che nella gestione di questa crisi il Comune di Palermo aveva provato da diverse settimane, a cavallo anche dell’insediamento del nuovo governo regionale, a stimolare un’accelerazione sulla dichiarazione dello stato di emergenza. Strumenti in arrivo che però possono apparire limitati e arrivano solo adesso e con poche risorse

Il presidente dell’Amap  Maria Prestigiacomo affronta con molta chiarezza l’argomento e non nasconde perplessità. Un buio in fondo al tunnel che per certi aspetti, ancora permane: “Devo dire grazie al governo Musumeci, che a differenza del precedente, non ha aspettato un anno prima di ascoltarci, sulla richiesta  da inoltrare a Roma, ma anche il governo nazionale per avere concesso questo strumento che oggi appare fondamentale e risolutivo nella situazione in cui ci troviamo”

Ma Prestigiacomo sa che siamo a niente. O quasi: “Aspettiamo di capire in dettaglio i poteri del commissario, le deroghe di cui potrà avvalersi e le risorse disponibili”.

Quel che appare scontato è che ci sarà il collegamento della fonte di Presidiana con l’acquedotto di Scillato, il rifacimento del tratto danneggiato della condotta situato nello stesso territorio madonita,  la requisizione e l’allaccio di 12 pozzi privati nel Palermitano (requisiti),  oltre alle piattaforme per poter prelevare l’acqua dalle dighe sino al fondo o quella che non è ordinariamente derivabile e quindi diversamente da così non si potrebbe utilizzare.

Tra gli interventi da realizzare, più nel lungo periodo, alcuni sono già dotati di copertura finanziaria, come nel caso delle rete di Boccadifalco per cui c’è già un progetto esecutivo. Questo potrebbe andare avanti con procedura ordinaria. L’argomento su cui si ragiona da settimane rimane quello della costruzione del dissalatore di rinforzo sul versante occidentale del territorio palermitano

Orlando e l’Amap, oltre alle risorse, in un contesto già di per sé critico, puntavano a ottenere un meccanismo di facilitazione e di  accelerazione per sviluppare gli interventi. Cosa che il commissario con i superpoteri, Musumeci, potrebbe avere solo in parte.

Il momento politico di fine stagione della legislatura nazionale non incoraggia scelte di profilo sostanziali, e il giorno delle emergenze siciliane potrebbe durare ancora a lungo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin