Orlando sulle elezioni in Emilia Romagna: "Sconfitti i populismi" :ilSicilia.it
Palermo

Il commento del sindaco di Palermo

Orlando sulle elezioni in Emilia Romagna: “Sconfitti i populismi”

di
27 Gennaio 2020

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando commenta le elezioni regionali in Emilia Romagna, con l’affermazione di Stefano Bonaccini. In particolare, il primo cittadino rimarca il mancato successo della Lega: “E‘ stata sconfitta la pretesa salviniana di pieni poteri – afferma Orlando – In Emilia Romagna viene con forza premiata una visione ed una politica attenta ai diritti di tutti e una politica alternativa ai populismi di destra e ai populismi di sinistra che pretendono di risolvere problemi senza rispetto del tempo: subito, senza confronto e senza contrasti“.

La politica ha bisogno di tweet e slogan – afferma il primo cittadino del capoluogo -, di dialogo e confronto. Ma diviene cattiva politica e viene rifiutata dagli elettori quando si riduce soltanto a tweet e slogan. È ora che il governo nazionale – così come accade in tante amministrazioni locali – abbia e comunichi una visione e indichi la esigenza di rispetto del tempo e dei giusti tempi per affrontare problemi e prospettive del nostro paese, senza paura del nuovo, del futuro e del diverso da noi“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.