Orrore nel Palermitano: pitbull incatenato e bruciato vivo | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

IL FATTO A TRABIA

Orrore nel Palermitano: pitbull incatenato e bruciato vivo

29 Maggio 2019

Legato con una catena ad un’auto e bruciato vivo. Sarebbe morto così stanotte a Trabia, in provincia di Palermo, un American pitbull terrier. Il fatto in via Ventimiglia: quando i pompieri sono giunti sul posto per domare le fiamme appiccate alla vettura abbandonata, hanno fatto la macabra scoperta.

Il povero cane era legato con una catena alla ruota anteriore sinistra. Un gesto incomprensibile denunciato su Facebook da un volontario animalista. “Mi chiamano in piena notte – scrive Salvatore Libero Barone -. Un povero pit dato alle fiamme in provincia di Palermo. Neanche il tempo di vestirmi e lui o lei non respiravano più. Il pit era pure incatenato ad un rottame”.

Secondo il suo racconto una coppia di ragazzi avrebbe assistito alla “sofferenza indicibile di questa ennesima vittima che bruciava lentamente e chissà da quanto”. Avrebbero provato anche a liberarlo ma “si sono ustionati anche loroscrive ancora l’animalista su Facebook – ed ormai era troppo tardi. Non so dove andremo a finire. Ormai ho smarrito ogni parola contro questa società brutale, infame, meschina”.

Secondo i primi accertamenti la vettura, di proprietà di un palermitano attualmente detenuto nel carcere Pagliarelli di Palermo, era abbandonata in quel terreno incustodito da diversi mesi. E il proprietario del pitbull, rintracciato grazie al microchip dell’animale, l’avrebbe usata come ricovero notturno per il povero animale. Legato all’auto, in quel terreno incustodito che costeggia la strada, il cane, però, stanotte ha trovato la morte tra atroci sofferenze.

Sulla vicenda indagano i carabinieri.

 

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“C’è un Uomo Solo al Comando”

Atteso quanto diceva il buon Bracardi quando asseriva che “l’uomo è una bestia”, nella sua bestialità questi sbaglia sempre allo stesso modo, pertanto, la memoria non deve essere soltanto rancorosa, ma deve servire per capire e andare avanti per non commettere gli stessi errori. Il perdono è un'altra cosa.