Orrore nel Palermitano: pitbull incatenato e bruciato vivo | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

IL FATTO A TRABIA

Orrore nel Palermitano: pitbull incatenato e bruciato vivo

di
29 Maggio 2019

Legato con una catena ad un’auto e bruciato vivo. Sarebbe morto così stanotte a Trabia, in provincia di Palermo, un American pitbull terrier. Il fatto in via Ventimiglia: quando i pompieri sono giunti sul posto per domare le fiamme appiccate alla vettura abbandonata, hanno fatto la macabra scoperta.

Il povero cane era legato con una catena alla ruota anteriore sinistra. Un gesto incomprensibile denunciato su Facebook da un volontario animalista. “Mi chiamano in piena notte – scrive Salvatore Libero Barone -. Un povero pit dato alle fiamme in provincia di Palermo. Neanche il tempo di vestirmi e lui o lei non respiravano più. Il pit era pure incatenato ad un rottame”.

Secondo il suo racconto una coppia di ragazzi avrebbe assistito alla “sofferenza indicibile di questa ennesima vittima che bruciava lentamente e chissà da quanto”. Avrebbero provato anche a liberarlo ma “si sono ustionati anche loroscrive ancora l’animalista su Facebook – ed ormai era troppo tardi. Non so dove andremo a finire. Ormai ho smarrito ogni parola contro questa società brutale, infame, meschina”.

Secondo i primi accertamenti la vettura, di proprietà di un palermitano attualmente detenuto nel carcere Pagliarelli di Palermo, era abbandonata in quel terreno incustodito da diversi mesi. E il proprietario del pitbull, rintracciato grazie al microchip dell’animale, l’avrebbe usata come ricovero notturno per il povero animale. Legato all’auto, in quel terreno incustodito che costeggia la strada, il cane, però, stanotte ha trovato la morte tra atroci sofferenze.

Sulla vicenda indagano i carabinieri.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.