Ortigia set del film Cyrano: così Siracusa sfida la crisi :ilSicilia.it
Banner Ortopedia Ferranti
Siracusa

le riprese danno ossigeno all'indotto

Ortigia set del film Cyrano: così Siracusa sfida la crisi

di
9 Dicembre 2020

Aspettare che la “tempesta” Covid passi ma senza rimanere fermi e immobili al cospetto di un’emergenza il cui epilogo rimane ancora incerto. E’ la strada che ha scelto di percorrere la Città di Siracusa, che prova a resistere alla sofferenza di un 2020 da incubo mettendo in campo alcune iniziative finalizzate a contenere le pesanti ripercussioni della crisi economica e sociale scatenata dalla pandemia.

A dare respiro, in qualche modo, al territorio di Siracusa, intanto, è il cinema. Secondo i dati comunicati dal sindaco Francesco Italia le riprese del film “Cyrano” in sette notti hanno permesso di occupare 200 stanze, per circa 150 mila euro di entrate per l’indotto.

“Cyrano” è un musical diretto da Joe Wright ed interpretato da Peter Dinklage, il Tyrion Lannister di Game of Thrones. Il set è stato allestito nel cuore di Ortigia, al Castello Maniace. Il primo cittadino ha dato così un segnale confortante di fiducia ad un territorio che rappresenta a pieno titolo una delle realtà di riferimento della Sicilia e del Sud Italia e che, sull’onda dei traguardi che erano stati raggiunti sino al 2019, vuole lasciarsi alle spalle questa crisi e proiettarsi verso un 2021 che possa davvero essere il momento della ripartenza.

Francesco Italia, sindaco di Siracusa

Il sindaco Italia, insieme all’assessore Fabio Granata, ha fatto vista al set allestito al Castello Maniace, dove è stato accolto da Guido Cerasuolo e Enrico Ballarin, responsabili della produzione, da Ignazio Playa e dal nuovo dirigente della Sicilia Film Commission della Regione Siciliana, Nicola Tarantino. Con loro c’era anche la regista Lisa Romano e Iris Leone della Film Commission del Comune di Siracusa.

Il sindaco Italia – che nella circostanza ha ringraziato la Soprintendente Donatella Aprile per la concessione del Castello – ha evidenziato che “tra Siracusa e provincia la ricaduta economica della produzione supera i 2 milioni e mezzo di euro oltre alle centinaia di maestranze e alle comparse impiegate. Stiamo così consolidando la presenza di una vera industria sostenibile e che amplifica la immagine e la notorietà del territorio”.

Siracusa, dunque, non si arrende alla crisi e sfida il momento critico con la convinzione dell’Amministrazione Italia che, in attesa di un ritorno alla normalità, si debbano intanto cogliere al meglio delle opportunità di valorizzazione del territorio, per combattere la crisi e non amplificarne in termini ulteriori gli effetti già pesanti. La città aretusea punta sulla propria bellezza per arginare l’eco prolungato di un’annata di “guerra” e prova a guardare al futuro con la consapevolezza che, a dispetto di tante difficoltà, l’ottimismo può diventare il propellente del rilancio.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco