Ospedale di Caltagirone, Compagnone (Mna): "Situazione grave, Razza e Musumeci prendano provvedimenti" :ilSicilia.it
Catania

la dichiarazione

Ospedale di Caltagirone, Compagnone (Mna): “Situazione grave, Razza e Musumeci prendano provvedimenti”

di
29 Dicembre 2021

“Non è più tollerabile l’atteggiamento con il quale la direzione strategica dell’Asp di Catania affronta, o forse sarebbe meglio dire non affronta, i gravissimi problemi di carenza di personale che riguardano l’Ospedale di Caltagirone, ed in particolare il pronto soccorso e il reparto di cardiologia. Invito l’assessore Razza ad interessarsi direttamente e con estrema urgenza del problema perché qui è in gioco il diritto alla salute di decine di migliaia di cittadini siciliani” ad affermarlo è il deputato autonomista Giuseppe Compagnone, già sindaco di Grammichele e per decenni medico chirurgo proprio presso l’Ospedale Gravina di Caltagirone.

Da medico prima che da politico conosco benissimo e dall’interno le problematiche del nostro ospedale – afferma Compagnone – e da tempo continuo a suggerire soluzioni tutt’altro che complicate per superare questo stato di emergenza che compromette l’erogazione dei livelli essenziali di assistenza ai cittadini del Calatino. Considerata la difficoltà di reclutare medici esclusivamente dedicati al pronto soccorso occorre innanzitutto ampliare la dotazione della medicina generale che, a pieno organico, potrebbe agilmente organizzare dei turni per soddisfare anche il fabbisogno di personale del pronto soccorso. Quanto al reparto di cardiologia da tempo ribadisco che non è più possibile utilizzare due pesi e due misure fra le varie strutture ospedaliere dell’ASP di Catania. L’Azienda è unica e non ci sono cittadini di serie a e di serie b, per cui non è più accettabile che alcuni ospedali viaggiano a pieno organico e qui a Caltagirone si rischia di chiudere il reparto se qualche medico è costretto a prende qualche giorno di malattia. E’ necessario dunque procedere con delle turnazioni aziendali in modo da ricoprire il fabbisogno dei reparti di tutti gli ospedali dell’Azienda.”

Ho più volte sollecitato l’adozione di queste misure ma qualcuno continua a fare orecchie da mercante – conclude il deputato del Movimento Nuova Autonomia – Sono sicuro che tanto l’assessore Razza quanto il presidente Musumeci, che in questo territorio è nato e cresciuto, conoscono e comprendono la gravità della situazione. Li invito quindi a prendere provvedimenti tanto severi quanto necessari. E’ inutile inaugurare nuovi reparti e nuovi pronto soccorso se poi sono destinati a rimanere privi di personale”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.