Ospedale Papardo di Messina, Genovese incontra Razza: "L'assessore disponibile al dialogo" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Messina

Il deputato regionale interviene di nuovo sull'ospedale messinese

Ospedale Papardo di Messina, Genovese incontra Razza: “L’assessore disponibile al dialogo”

di
17 Febbraio 2018

“Una riunione proficua, durante la quale è emersa l’intenzione da parte del governo regionale di affrontare la questione “Papardo” con la necessaria determinazione”. Il deputato regionale di Forza Italia, Luigi Genovese, esprime soddisfazione per l’esito dell’incontro con l’assessore regionale alla Sanità, Ruggero Razza, in merito all’ospedale Papardo di Messina. 

Sul tavolo il disegno di legge – che prevede l’accorpamento dell’ospedale Papardo all’IRCCS – presentato la scorsa settimana a Palermo e firmato dalla quasi totalità dei componenti del gruppo parlamentare forzista all’Ars. “Il governo regionale – spiega il deputato messinese – si è reso disponibile ad assumere la regia di una riflessione che verrà estesa a tutte le categorie direttamente o indirettamente coinvolte da una vicenda che ha già avuto il merito di innescare un dibattito trasversale sul futuro di una struttura fondamentale nel panorama dell’offerta sanitaria destinata alla città e alla provincia di Messina”.

“L’assessore Razza – sottolinea Genovese – ha manifestato grande apprezzamento per l’iniziativa legislativa presentata nei giorni scorsi, evidenziando la necessità di inserire l’ipotesi di accorpamento del ‘Papardo’ all’ IRCCS all’interno di una riflessione più ampia che riguarderà, trasversalmente, tutto il territorio regionale nell’ottica di una revisione organica del processo che ha ridefinito l’assetto delle aziende sanitarie in Sicilia. Ho manifestato all’assessore – prosegue il deputato – la massima disponibilità ad un’interlocuzione costante sul tema, che vedrà il coinvolgimento del governo regionale, della deputazione messinese e di tutte le categorie interessate. Un passaggio, questo, che sara’ propedeutico alla definitiva risoluzione di una vicenda che ha suscitato un dibattito molto acceso”.

“A tal proposito – conclude Genovese – nei giorni scorsi ho letto e ascoltato vari spunti critici, alcuni dei quali assolutamente apprezzabili per la loro finalità costruttiva. Nel frattempo, però, siamo stati costretti ad assistere ad alcune uscite pubbliche di cui avremmo fatto volentieri a meno, esternazioni platealmente messe in campo per volgari fini elettoralistici. Spunti che di certo, per la loro natura, non hanno apportato e non apporteranno alcun valore al dibattito sul futuro del ‘Papardo’ e sulla qualità dell’offerta sanitaria della nostra provincia”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.