Ospedale San Marco di Catania, Razza: "Accelerazione sull'apertura" :ilSicilia.it

L'audizione in seconda commissione all'Ars

Ospedale San Marco di Catania, Razza: “Accelerazione sull’apertura”

di
4 Dicembre 2018

Sull’apertura dell’ospedale San Marco di Catania abbiamo impresso un’accelerazione importante che consentirà di avviare i trasferimenti dei reparti materno-infantile, oggi al Santo Bambino, entro il prossimo febbraio“. Lo ha detto l’assessore alla Salute della Regione siciliana, Ruggero Razza, al termine dell’audizione che si è tenuta stamattina in commissione Sanità all’Assemblea regionale siciliana, presieduta da Margherita La Rocca Ruvolo.

Sono intervenuti anche i vertici dell’Azienda sanitaria San Marco Policlinico Ove, rappresentati dal direttore facente funzioni, Giampiero Bonaccorsi, e dal direttore sanitario, Antonio Lazzara. Durante l’audizione è stato sottolineato che il cantiere dell’ospedale San Marco è in fase fortemente avanzata e si è giunti alle finiture e alle fasi di collaudo, alcune delle quali sono state già effettuate.

Dopo il trasferimento del Santo Bambino al San Marco – ha aggiunto Razza – si proseguirà, così come previsto, con il trasloco dei reparti che sono rimasti nel vecchio ospedale Santa Marta e al Vittorio Emanuele. Proprio per questi immobili che si trovano nel cuore di Catania, su impulso del presidente Nello Musumeci, si sta già lavorando a una serie di azioni che serviranno anche a riqualificare uno dei quartieri più antichi del capoluogo etneo“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.