Ospedali privati: successo della rete Aiop Sicilia :ilSicilia.it

entra nella formazione specialistica dei medici

Ospedali privati: successo della rete Aiop Sicilia

19 Luglio 2019

Per la prima volta, la componente di diritto privato del Sistema sanitario nazionale entra a pieno titolo nell’alta formazione specialistica dei medici. Il decreto del dipartimento per la formazione superiore e per la ricerca del ministero dell’Istruzione dell’Università e della ricerca, per la prima volta, accanto alle Università, per l’alta formazione specialistica dei medici, contempla e inserisce gli ospedali privati.

Un investimento da parte dell’imprenditoria importante che contribuisce alla formazione dei giovani medici. In Sicilia, tutto questo ha un significato maggiore perché l’Isola è la terza regione italiana in termini di numero di borse attivate dai privati: ben otto su 89 attivate in tutt’Italia.

Una vittoria importante del sistema Aiop, l’associazione che riunisce gli ospedali privati che ha lavorato senza sosta affinché si raggiungesse questo traguardo con il presidente nazionale Barbara Cittadini che ha tenuto i rapporti con il ministero dell’Istruzione e con il presidente regionale Marco Ferlazzo che, da mesi, si batte affinché la nostra Regione non sia soltanto terra di emigrazione di cervelli. Il bando delle borse di studio di specializzazione è nazionale. I vincitori saranno scelti dunque attraverso un’unica graduatoria nazionale.

Marco Ferlazzo e Barbara Cittadini
Marco Ferlazzo e Barbara Cittadini

“Quello ottenuto – spiega Marco Ferlazzo, presidente regionale dell’Aiop – è un risultato importante. Per la prima volta gli ospedali privati, la componente di diritto privato del Sistema sanitario nazionale, entra a far parte di questo processo di alta formazione. Si tratterranno cervelli per almeno otto anni. E’ un contributo ad un processo che deve portare ad un’inversione di tendenza. Dobbiamo fermare la desertificazione che ha investito la nostra terra”.

La Sicilia è terza come numero di contratti attivati subito dopo Lombardia e Toscana.  Dopo i  cinque anni di specializzazione, lo specializzando che usufruisce della borsa, si impegna ad esercitare entro 30 giorni dal conseguimento del titolo, a richiesta dell’ente finanziatore, un contratto di lavoro dipendente Aiop della durata di tre anni. In caso di mancato rispetto della clausola il candidato sarà tenuto a rimborsare l’intero finanziamento del posto ottenuto.

I bandi e le borse erogate dagli ospedali privati per i contratti aggiuntivi presso le università siciliane riguardano: Anestesia, rianimazione e Terapia intensiva e del dolore (un contratto aggiuntivo Istituto polispecialistico Cot di Messina, un contratto aggiuntivo Casa di cura Maria Eleonora Hospital di Palermo); Ginecologia e ostetricia (un contratto aggiuntivo istituto clinico Vidimura Srl Catania); Chirurgia generale (due contratti aggiuntivi casa di cura Regina Pacis San Cataldo); Medicina fisica e riabilitativa (un contratto aggiuntivo casa di cura Madonna del Rosario di Catania); Ortopedia e traumatologia (un contratto casa di cura Santa Lucia GLEF di Siracusa);   Malattie dell’apparato cardiovascolare (un contratto aggiuntivo casa di cura Maria Eleonora Hospital Palermo).

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.