Ospedali privati: successo della rete Aiop Sicilia :ilSicilia.it

entra nella formazione specialistica dei medici

Ospedali privati: successo della rete Aiop Sicilia

19 Luglio 2019

Per la prima volta, la componente di diritto privato del Sistema sanitario nazionale entra a pieno titolo nell’alta formazione specialistica dei medici. Il decreto del dipartimento per la formazione superiore e per la ricerca del ministero dell’Istruzione dell’Università e della ricerca, per la prima volta, accanto alle Università, per l’alta formazione specialistica dei medici, contempla e inserisce gli ospedali privati.

Un investimento da parte dell’imprenditoria importante che contribuisce alla formazione dei giovani medici. In Sicilia, tutto questo ha un significato maggiore perché l’Isola è la terza regione italiana in termini di numero di borse attivate dai privati: ben otto su 89 attivate in tutt’Italia.

Una vittoria importante del sistema Aiop, l’associazione che riunisce gli ospedali privati che ha lavorato senza sosta affinché si raggiungesse questo traguardo con il presidente nazionale Barbara Cittadini che ha tenuto i rapporti con il ministero dell’Istruzione e con il presidente regionale Marco Ferlazzo che, da mesi, si batte affinché la nostra Regione non sia soltanto terra di emigrazione di cervelli. Il bando delle borse di studio di specializzazione è nazionale. I vincitori saranno scelti dunque attraverso un’unica graduatoria nazionale.

Marco Ferlazzo e Barbara Cittadini
Marco Ferlazzo e Barbara Cittadini

“Quello ottenuto – spiega Marco Ferlazzo, presidente regionale dell’Aiop – è un risultato importante. Per la prima volta gli ospedali privati, la componente di diritto privato del Sistema sanitario nazionale, entra a far parte di questo processo di alta formazione. Si tratterranno cervelli per almeno otto anni. E’ un contributo ad un processo che deve portare ad un’inversione di tendenza. Dobbiamo fermare la desertificazione che ha investito la nostra terra”.

La Sicilia è terza come numero di contratti attivati subito dopo Lombardia e Toscana.  Dopo i  cinque anni di specializzazione, lo specializzando che usufruisce della borsa, si impegna ad esercitare entro 30 giorni dal conseguimento del titolo, a richiesta dell’ente finanziatore, un contratto di lavoro dipendente Aiop della durata di tre anni. In caso di mancato rispetto della clausola il candidato sarà tenuto a rimborsare l’intero finanziamento del posto ottenuto.

I bandi e le borse erogate dagli ospedali privati per i contratti aggiuntivi presso le università siciliane riguardano: Anestesia, rianimazione e Terapia intensiva e del dolore (un contratto aggiuntivo Istituto polispecialistico Cot di Messina, un contratto aggiuntivo Casa di cura Maria Eleonora Hospital di Palermo); Ginecologia e ostetricia (un contratto aggiuntivo istituto clinico Vidimura Srl Catania); Chirurgia generale (due contratti aggiuntivi casa di cura Regina Pacis San Cataldo); Medicina fisica e riabilitativa (un contratto aggiuntivo casa di cura Madonna del Rosario di Catania); Ortopedia e traumatologia (un contratto casa di cura Santa Lucia GLEF di Siracusa);   Malattie dell’apparato cardiovascolare (un contratto aggiuntivo casa di cura Maria Eleonora Hospital Palermo).

 

Tag:

La pittrice della Via Crucis | LE FOTO

Con questo bell'articolo sulla pittrice Maria Pia De Angelis si inaugura oggi "L'Occhiotriquetro - note e postille", la nuova rubrica di Piero Longo, poeta, critico teatrale, critico e storico dell'arte, nonché presidente de "Gli Amici del Teatro Biondo" e presidente onorario di "Italia Nostra Palermo"
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Ad Alimena la Misericordia cuce le mascherine per tutti

La Misericordia di Alimena, che da anni opera nel sociale ed è fautrice di tante belle iniziative, ha iniziato a produrre le mascherine. Saranno distribuite gratuitamente a chi ne farà richiesta e sono già state stilate diverse liste per andare incontro soprattutto alle esigenze di tanti anziani.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona