Ospite a "Bar Sicilia" il capogruppo del Pd all'Ars Lupo: "Noi alternativi a Forza Italia e Miccichè" | VIDEO :ilSicilia.it

la rubrica della domenica

Ospite a “Bar Sicilia” il capogruppo del Pd all’Ars Lupo: “Noi alternativi a Forza Italia e Miccichè” | VIDEO

di
23 Dicembre 2018

Guarda in alto il video della quarantaduesima puntata

Per la quarantaduesima puntata di “Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione,  oggi, domenica 23 dicembre, abbiamo ospite Giuseppe Lupo, deputato regionale e capogruppo del Partito Democratico all’Ars.

Lupo ribadisce che il Pd non farà alcuna alleanza con Forza Italia, come invece auspicato dal coordinatore azzurro Gianfranco Miccichè che aveva lanciato un appello ai moderati in chiave “antipopulista” e che all’Ars il partito resterà alternativo al governo Musumeci, di cui Forza Italia fa parte: “Miccichè sa bene che il primo populista d’Italia è Silvio Berlusconi, che ha condiviso molto in questi anni con la Lega, per cui non è che fra Berlusconi e Salvini ci siano poi tutte queste differenze. Noi non abbiamo nulla a che spartire con la cultura e la storia di Forza Italia. Vogliamo semmai costruire un centrosinistra che guardi alle fasce sociali più deboli, rilanci un progetto autenticamente riformista con un’attenzione al mondo del lavoro”.

Il capogruppo del Pd a Palazzo dei Normanni, inoltre, torna sulle vicende interne al partito, che hanno visto una forte polemica fra i Dem e la nomina “a tavolino” di Davide Faraone a segretario regionale: “Teresa Piccione si è ritirata dalla corsa, perchè non c’erano più le condizioni per celebrare un congresso vero. Sono pendenti anche dei ricorsi sulle procedure della sua ‘elezione’ perché sono state violate le procedure previste dallo statuto del partito, in quanto coloro i quali facevano riferimento a Faraone hanno impedito lo svolgimento dei congressi dei circoli degli iscritti sul territorio in tutti i comuni della Sicilia. Se nel Pd si litiga l’elettore non capisce più. Nel corso dell’ultima manifestazione che abbiamo fatto a piazza del Popolo i militanti gridavano come slogan “unità unità”. L’auspicio di tanti di noi era questo, trovare un candidato unitario, magari un sindaco del Pd, ma purtroppo questo non è stato accettato”. 

Infine, Lupo sugli equilibri interni si dice convinto della proposta politica di Nicola Zingaretti, che secondo lui rappresenta un candidato alla segreteria che ha un requisito di discontinuità rispetto a Renzi: “ha trasformato il Pd da un partito plurale e aperto a un partito personale. Dobbiamo tornare a un partito plurale e mi pare che Zingaretti incarni il nuovo e ha ottime capacità di governo che ha dimostrato in più occasioni”. 

 

In alto il video della quarantaduesima puntata di “Bar Sicilia”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin