"Ossa di Morto": la ricetta dei biscotti siciliani per celebrare i defunti :ilSicilia.it

per esorcizzare la paura e addolcire la vita

“Ossa di Morto”: la ricetta dei biscotti siciliani per celebrare i defunti

di
1 Novembre 2020

Noi nicareddi, prima di andarci a coricare, mettevamo sotto il letto un cesto di vimini che nottetempo i cari morti avrebbero riempito di dolci e di regali che avremmo trovato il 2 mattina, al risveglio”. Così Andrea Camilleri raccontava la festa dei Morti.

Il 2 novembre, infatti, la commemorazione dei morti è una festa ancora molto sentita e attesa, soprattutto nel sud Italia e in Sicilia, sia dai più piccoli ma anche dai grandi per i quali è un’occasione per stare tutti insieme in famiglia.

La tradizione vuole che nella notte tra l’1 e il 2 novembre i defunti facciano visita ai propri cari portando in dono ai bambini dolciumi, caramelle e giocattoli per alimentare il ricordo di chi non c’è più ed esorcizzare la paura nei confronti della morte.

Uno dei dolci tipici della Sicilia, immancabile per la ricorrenza è l'”Ossa di morto”, un biscotto molto croccante composto da una base caramellata con sopra un guscio bianco che rappresenta appunto le ossa.

GLI INGREDIENTI

300g di farina
300g di zucchero
75ml di acqua
1 pizzico di cannella in polvere
6 chiodi di garofano

LA PREPARAZIONE

In una ciotola mescolate la cannella con la farina e tenetela da parte. In un pentolino capiente versate lo zucchero, l’acqua ed i chiodi di garofano, mescolate e mettete sul fuoco. Appena l’acqua inizia a bollire, levatela dal fuoco e versate la farina poco alla volta, mescolando continuamente e velocemente fino a quando il composto diventi liscio.

Su un piano leggermente infarinato, versate il composto e lasciatelo intiepidire per qualche minuto, poi iniziate a impastarlo velocemente per renderlo omogeneo.

Formate dei filoni spessi circa 2 cm e tagliateli a tocchetti di circa 4 cm. Sulla superficie praticate delle incisioni poco profonde e posizionateli su un vassoio rivestito di carta forno distanziandoli leggermente.

Copriteli con un foglio di carta forno e lasciateli asciugare per due-tre giorni. Al terzo giorno le ossa di morto saranno asciutti e di colore bianco con la base più scura.
Rivestite la placca con un foglio di carta forno bagnata e strizzata, bagnate la base delle ossa di morto e posizionateli sulla placca distanziati l’uno dall’altro.

Cuoceteli in forno già preriscaldato 180° per 10-15 minuti. Sfornate i biscotti quando lo zucchero, sciogliendosi si separerà dalla parte bianca che rimarrà vuota e formerà la classica base caramellata.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.