"Ossa di Morto": la ricetta dei biscotti siciliani per celebrare i defunti :ilSicilia.it

per esorcizzare la paura e addolcire la vita

“Ossa di Morto”: la ricetta dei biscotti siciliani per celebrare i defunti

di
1 Novembre 2020

Noi nicareddi, prima di andarci a coricare, mettevamo sotto il letto un cesto di vimini che nottetempo i cari morti avrebbero riempito di dolci e di regali che avremmo trovato il 2 mattina, al risveglio”. Così Andrea Camilleri raccontava la festa dei Morti.

Il 2 novembre, infatti, la commemorazione dei morti è una festa ancora molto sentita e attesa, soprattutto nel sud Italia e in Sicilia, sia dai più piccoli ma anche dai grandi per i quali è un’occasione per stare tutti insieme in famiglia.

La tradizione vuole che nella notte tra l’1 e il 2 novembre i defunti facciano visita ai propri cari portando in dono ai bambini dolciumi, caramelle e giocattoli per alimentare il ricordo di chi non c’è più ed esorcizzare la paura nei confronti della morte.

Uno dei dolci tipici della Sicilia, immancabile per la ricorrenza è l'”Ossa di morto”, un biscotto molto croccante composto da una base caramellata con sopra un guscio bianco che rappresenta appunto le ossa.

GLI INGREDIENTI

300g di farina
300g di zucchero
75ml di acqua
1 pizzico di cannella in polvere
6 chiodi di garofano

LA PREPARAZIONE

In una ciotola mescolate la cannella con la farina e tenetela da parte. In un pentolino capiente versate lo zucchero, l’acqua ed i chiodi di garofano, mescolate e mettete sul fuoco. Appena l’acqua inizia a bollire, levatela dal fuoco e versate la farina poco alla volta, mescolando continuamente e velocemente fino a quando il composto diventi liscio.

Su un piano leggermente infarinato, versate il composto e lasciatelo intiepidire per qualche minuto, poi iniziate a impastarlo velocemente per renderlo omogeneo.

Formate dei filoni spessi circa 2 cm e tagliateli a tocchetti di circa 4 cm. Sulla superficie praticate delle incisioni poco profonde e posizionateli su un vassoio rivestito di carta forno distanziandoli leggermente.

Copriteli con un foglio di carta forno e lasciateli asciugare per due-tre giorni. Al terzo giorno le ossa di morto saranno asciutti e di colore bianco con la base più scura.
Rivestite la placca con un foglio di carta forno bagnata e strizzata, bagnate la base delle ossa di morto e posizionateli sulla placca distanziati l’uno dall’altro.

Cuoceteli in forno già preriscaldato 180° per 10-15 minuti. Sfornate i biscotti quando lo zucchero, sciogliendosi si separerà dalla parte bianca che rimarrà vuota e formerà la classica base caramellata.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti