Ostello Bello potrà aprire a Palermo, l'Ance: "Il Comune ora rilasci i permessi" :ilSicilia.it
Palermo

il commento di massimo miconi

Ostello Bello potrà aprire a Palermo, l’Ance: “Il Comune ora rilasci i permessi”

di
6 Marzo 2021

Ostello Bello potrà sorgere a Palermo: lo stabilisce il Tar che ha annullato il provvedimento del 17 luglio scorso del Comune, che a sua volta, aveva rigettato il permesso di costruire “per una pretesa difformità delle opere oggetto di istanza con lo strumento urbanistico”.

Adesso il Tribunale amministrativo ha dato ragione ai ricorrenti, Dario Mirri, che aveva acquistato l’immobile dell’ex centrale Enel di via Volta, e Carlo Alberto dalla Chiesa (omonimo e nipote del generale dei carabinieri ucciso dalla mafia e coinvolto nella realizzazione del progetto).

La decisione del Comune di negare i permessi aveva fato saltare sulla sedia, oltre agli imprenditori, anche l’Ance, l’associazione dei costruttori edili, che intravedeva all’orizzonte l’ennesima occasione persa per Palermo, dopo la virata di Decathlon, che ha deciso di virare verso Trapani dopo le vicissitudini palermitane, e di Ikea, il grande marchio scandinavo che ah dovuto rinunciare all’idea di aprire nel capoluogo siciliano.

Burocrazia e decisioni politiche che hanno rappresentato di fatto un impedimento a nuovi investimenti. Adesso, però, la decisione del Tar apre a nuovi scenari: “Da lunedì il Comune rilasci i permessi per costruire“, afferma con determinazione Massimo Miconi, presidente di Ance Palermo, che non è tenero nel giudizio dell’amministrazione attiva: “Manca completamente un governo politico. Abbiamo più volte interloquito con la giunta, ma senza risultati. Il Tar adesso ha dato ragione ai privati, il Comune si adegui e rilasci i permessi in ossequio alla decisione del giudice amministrativo“, conclude.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Una via per Franca Florio

La vita di Franca Florio, fatta di discese ardite e dure risalite è una grande storia, la fortuna, la sfortuna, la ricchezza, la povertà, la felicità, il dolore, si mischiano in quello che è un romanzo più romanzo di ogni pagina immaginata.

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.