Otto assiomi della comunicazione fra libertà, amore, odio e potere :ilSicilia.it

Otto assiomi della comunicazione fra libertà, amore, odio e potere

di
20 Luglio 2020

Che cos’è la comunicazione, quali sono i vantaggi, come si comunica, che cosa e perché si deve comunicare?

Nei tempi più antichi la comunicazione era gestuale e caratterizzata da espressioni onomatopeiche, vocalizzi e segni. Grazie all’istinto, alla volontà di espressione e interazione gli esseri umani hanno alimentato e allungato l’infinita serie di suoni onomatopeici che sono stati alla base della creazione delle parole, della grammatica che le lega e della semantica che ci consente di comunicare con i simboli, i significati e i significanti. Tutti possediamo dalla nascita delle abilità linguistiche e relative strutture biologiche preposte innate ma ogni bambino nasce con una predisposizione particolare a imparare una data lingua o il linguaggio dei segni meglio di altri, soprattutto se l’ambiente è facilitante. La cosa più difficile da imparare, però, è come comunicare. Il parlare comporta la produzione di suoni dall’apparato fonatorio. I volatili parlanti, come alcuni pappagalli, sono capaci di imitare parole umane. Questo non significa saper comunicare e non perché i suoni sono solo imitati in assenza dell’acquisizione di una sintassi. D’altro canto chi è sordo può comunicare perfettamente usando il linguaggio dei segni.

Quali sono gli assiomi della comunicazione umana? I postulati seguendo i quali si può comunicare nel modo migliore in qualunque situazione o condizione? Li ridefinirò sulla scia di Watzlawick cercando di mantenermi a tre livelli di comunicazione: di contenuto, di relazione e di scienza.

Mettendoli in ordine di importanza e di priorità, innanzitutto pongo come primo assioma della comunicazione quello del campo energetico lewiniano perché è impossibile comunicare nello stesso modo in qualunque spazio vitale. Il campo energetico individuato da Lewin è, infatti, uno spazio geometrico che caratterizza uno specifico individuo e la sua interazione con altri soggetti con campi strutturanti differenti e condizionati dalla psiche e dal livello evolutivo. Si tratta di una molecola di comportamenti umani, un insieme di forze uguali e diverse che agiscono fra di loro e che hanno la possibilità di alterare la personalità, inducendo l’evoluzione o il suo contrario.

Come secondo assioma della comunicazione consideriamo la necessità di adeguarsi all’interlocutore e di entrare in sintonia con lui. Un aspetto della comunicazione è sicuramente quello del contenuto, cioè cosa viene effettivamente detto attraverso le parole, i gesti, il silenzio. L’individuo che dimostra forza ed equilibrio è colui che mette in primo piano quello che comunica l’altro perché non ha nulla da dimostrare, si rende conto dei limiti altrui e li rispetta, senza urtare la sensibilità dell’altro facendolo sentire più piccolo. Se l’altro ha avuto una appercezione, certamente è condizionata dal suo livello evolutivo e per evitare il conflitto è sufficiente dispiacersi se non scusarsi per non aver fatto volutamente ciò di cui si è accusati. C’è molto da imparare di se stessi specchiandosi pure in uno stagno. Ed ecco che arrivo a quello che considero il terzo assioma per comunicare bene: essere assertivi. Come si impara a farsi valere nel rispetto di se stessi e degli altri? Ci vuole un’educazione certamente improntata a fare accrescere l’empatia ma anche l’autostima, quindi, direi che l’ assertivo è colui che si muove nello spazio e nel tempo in assenza di agitazione (atarassia), accetta il cambiamento e le sfide e, quando le vince, accumula successi e pillole di savoir faire. Il quarto assioma lo vedo nascere di conseguenza ed è dato dalla capacità di autocontrollarsi, di regolare parole, emozioni e impulsi che è, secondo me, ben espresso nel noto aforisma: una parola è troppa e due sono poche. Il quinto assioma ritengo sia costituito dal fatto che il silenzio e il non detto sono comunicazione. Il sesto viaggia nello stesso vagone perché è costituito dal leggere il linguaggio dei sintomi e come “metamedica” focalizzo sempre la mia attenzione a tutto quello che mi racconta il paziente di sé anche attraverso i sintomi organici, non solo psicologici. Il settimo assioma che io ho considerato nella elucubrazione di oggi è rappresentato dall’importanza che ha ascoltare l’istinto, imparare a farlo da bambini e, soprattutto, lasciare che i bambini seguano il loro istinto primordiale e non il proprio, anche se questo può voler dire il venir meno della necessità di proteggerli e impedire loro di sbagliare, perché errare è umano e necessario per l’evoluzione. Attenzione a non confondere l’istinto con l’impulso: come fare? Semplicemente, è necessario riflettere bene prima di agire. Se si pensa sia giusto profferir parola, prima di tutto occorre immaginare le conseguenze e tentare di prepararsi una sorta di discorso a mente adeguato a chi è rivolto. Il principio deve essere sempre: ne vale la pena? Cosa voglio ottenere?

Ho individuato l’ottavo assioma grazie all’immagine che ho estrapolato dal mio romanzo Ziza (2008): nel comunicare bisogna sempre mantenersi al centro fra libertà, amore, odio e potere.

È proprio vero che le parole sono importanti, tanto è vero che noi psicologi abbiamo il potere di agire il cambiamento benefico sulle persone già con il silenzio, i gesti e, infine, con la voce e l’accento su un determinato discorso piuttosto che su di un altro. Mettere insieme i suoni rispettando la sintassi è difficile ma farlo rispettando gli assiomi della comunicazione, se stessi e l’interlocutore lo è ancora di più.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin