Paesaggi e scorci mozzafiato di Pollina in uno spot turistico | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

"La diversità è ricchezza"

Paesaggi e scorci mozzafiato di Pollina in uno spot turistico | VIDEO

di
17 Giugno 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Pollina, piccolo borgo delle Madonie, sovrasta su una rocca e domina il mare. Impossibile non innamorarsi dei suoi vicoli e scorci dopo tutto, leggenda vuole, sia nata da un amore quello sorto dalla “fuitina” tra un arabo (Ayub) e una normanna (Polina).

Ed è proprio la voce di Donna Polina a raccontare la sua terra nello spot diretto da Alessandro Di Giugno che sottolinea quanto la “diversità sia ricchezza” e che evidenzia alcuni contrasti netti, come il bianco della manna, unicità e presidio slow food tipico della zona, e il nero dei ricci del mar Tirreno.

Ma è il contrasto mare-cielo, che diventa anche il claim del progetto turistico territoriale, a sintetizzare tutto il fascino di una biodiversità naturale incredibilmente marcata in Sicilia e apprezzata dai turisti, per la quale Pollina si candida a perfetta icona, con il mare della frazione di Finale ed il cielo del promontorio di Pollina.

“Mare” che vuol dire anche profumi, cibo e divertimento estivo, e “cielo” che si connota di significati profondi – specie a Pollina – grazie a un museo dedicato all’astronomo Maurolico. Ma “cielo” anche come dimensione sacra, con il sorprendente patrimonio artistico religioso: su tutti, le tante opere del Gagini disseminate nelle chiese del borgo.

Anche grazie alla recente riapertura del villaggio turistico, ai rinomati camping, agriturismi, Pollina è una meta turistica in forte ascesa, che sfrutta bene la collocazione sulla costa – fra Cefalù e Tusa– della località marina di Finale. Posizione strategica ma anche significati e valori propri, in un continuo gioco tra presunti “opposti” ribaditi nello spot prodotto dall’associazione culturale “P3” (beninteso, in omaggio a Giuseppe Pitrè, il grande antropologo siciliano) attraverso immagini di paesaggi e scorci mozzafiato.

Terra di arabi e normanni, terra ricca di tradizione eppure aperta alla contaminazione contemporanea (si veda l’interessante programmazione estiva), Pollina si candida – legittimata dalla propria storia ed in controtendenza alle politiche attuali – ad accogliere.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin