Pakistano ucciso a Caltanissetta: fermati tre connazionali :ilSicilia.it
Caltanissetta

il fatto

Pakistano ucciso a Caltanissetta: fermati tre connazionali

di
4 Giugno 2020

Avvertiti, alle 23.15 di martedì 03 giugno, da alcuni cittadini di una rissa in via San Cataldo, quando i carabinieri di Caltanissetta sono arrivati, il giovane pakistano era riverso a terra, ormai privo di vita, nell’appartamento al secondo piano dove abitava.

A raccontare alcuni dettagli dell’omicidio del trentaduenne Siddique Adnan, è il colonnello Baldassare Daidone, comandante provinciale dei carabinieri: “Si presume che il movente sia legato a un debito. ma siamo ancora alle fasi iniziali e ci potrebbero essere ulteriori sviluppi”. Il giovane era stato raggiunto da almeno 4 fendenti di un coltello da cucina con la lami di 15 centimetri.

Grazie all’aiuto dei vicini, sia italiani che stranieri, i carabinieri sono riusciti a individuare la casa dove si erano nascosti gli autori dell’omicidio, tutti pakistani, trovati con gli abiti sporchi di sangue. “Due di loro sono stati fermati per omicidio aggravato, mentre un terzo è stato arrestato per favoreggiamento. Si presume che il movente sia legato ad un debito ma siamo ancora alle fasi iniziali e ci potrebbero essere ulteriori sviluppi”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.