Palacongressi di Taormina: aspettando il bando, ancora spese per il Comune :ilSicilia.it
Messina

non è più rinviabile l'affidamento ai privati

Palacongressi di Taormina: aspettando il bando, ancora spese per il Comune

28 Giugno 2019

Aspettando un’accelerazione nell’iter per l’affidamento a privati, il Palacongressi di Taormina si conferma un salasso per le casse del Comune di Taormina, costretto ad affrontare costi senza un adeguato ritorno per il forziere di Palazzo dei Giurati.

La Giunta ha dovuto stanziare, infatti, con due diverse delibere 23 mila euro, per il servizio di assistenza e manutenzione ordinaria degli impianti del palazzo (18 mila euro) in vista di tutti gli eventi in programma sino al 31 dicembre, e per l’assistenza e manutenzione degli ascensori (5 mila euro).

Si tratta di oneri ai quali, d’altronde, il Comune ad oggi deve ottemperare, per forza di cose, dopo aver ottenuto l’agibilità del palazzo in occasione dei lavori pre e post G7 (con i 4 milioni e 300 mila euro finanziati nel 2017 dal Governo nazionale).

Nella gestione del Palacongressi c’è la necessità di individuare e rendere operativo personale tecnico qualificato, quale manutentore elettrico e termoidraulico per la gestione e manutenzione degli nuovi impianti installati presso la struttura: impianto elettrico, impianto antincendio, impianto di climatizzazione ed impianto idrico-fognario. Il tutto, in attesa come detto che si registri una svolta nell’iter che dovrà portare al bando di gara per affidare a privati le chiavi di un palazzo che il Comune per motivi economici e logistici non può continuare a gestire, per ammissione stessa degli amministratori.

La Giunta comunale di Taormina si è comunque mossa nel frattempo per favorire il necessario completamento degli interventi residui da effettuare al Palazzo dei Congressi. Sono stati già trasmessi alla Regione tutti gli atti con i quali si chiede all’assessorato ai Beni Culturali lo stanziamento di 300 mila euro, risorse cioè per l’ammodernamento delle macchine di scena, a servizio della sala teatro e per l’arredamento dei camerini e la manutenzione del complesso polifunzionale. L’obiettivo è quello di reperire questi fondi già entro la fine dell’anno, mentre nel frattempo si dovrebbe predisporre il bando di gara per la futura gestione dell’immobile.

I 300 mila euro chiesti dal Comune di Taormina sono attesi nel contesto di un avviso regionale inerente spese di investimento nel settore dei teatri. L’esigenza è quella di accogliere in condizioni di piena funzionalità eventi e spettacoli, specie nei mesi invernali, quando Taormina soffre per le poche presenze in città e per l’assenza di spazi al chiuso per l’intrattenimento. La proposta di bando di gara è in fase di stesura e la Giunta potrebbe presto portarla in Consiglio comunale.

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.