11 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.41
Messina

non è più rinviabile l'affidamento ai privati

Palacongressi di Taormina: aspettando il bando, ancora spese per il Comune

28 Giugno 2019

Aspettando un’accelerazione nell’iter per l’affidamento a privati, il Palacongressi di Taormina si conferma un salasso per le casse del Comune di Taormina, costretto ad affrontare costi senza un adeguato ritorno per il forziere di Palazzo dei Giurati.

La Giunta ha dovuto stanziare, infatti, con due diverse delibere 23 mila euro, per il servizio di assistenza e manutenzione ordinaria degli impianti del palazzo (18 mila euro) in vista di tutti gli eventi in programma sino al 31 dicembre, e per l’assistenza e manutenzione degli ascensori (5 mila euro).

Si tratta di oneri ai quali, d’altronde, il Comune ad oggi deve ottemperare, per forza di cose, dopo aver ottenuto l’agibilità del palazzo in occasione dei lavori pre e post G7 (con i 4 milioni e 300 mila euro finanziati nel 2017 dal Governo nazionale).

Nella gestione del Palacongressi c’è la necessità di individuare e rendere operativo personale tecnico qualificato, quale manutentore elettrico e termoidraulico per la gestione e manutenzione degli nuovi impianti installati presso la struttura: impianto elettrico, impianto antincendio, impianto di climatizzazione ed impianto idrico-fognario. Il tutto, in attesa come detto che si registri una svolta nell’iter che dovrà portare al bando di gara per affidare a privati le chiavi di un palazzo che il Comune per motivi economici e logistici non può continuare a gestire, per ammissione stessa degli amministratori.

La Giunta comunale di Taormina si è comunque mossa nel frattempo per favorire il necessario completamento degli interventi residui da effettuare al Palazzo dei Congressi. Sono stati già trasmessi alla Regione tutti gli atti con i quali si chiede all’assessorato ai Beni Culturali lo stanziamento di 300 mila euro, risorse cioè per l’ammodernamento delle macchine di scena, a servizio della sala teatro e per l’arredamento dei camerini e la manutenzione del complesso polifunzionale. L’obiettivo è quello di reperire questi fondi già entro la fine dell’anno, mentre nel frattempo si dovrebbe predisporre il bando di gara per la futura gestione dell’immobile.

I 300 mila euro chiesti dal Comune di Taormina sono attesi nel contesto di un avviso regionale inerente spese di investimento nel settore dei teatri. L’esigenza è quella di accogliere in condizioni di piena funzionalità eventi e spettacoli, specie nei mesi invernali, quando Taormina soffre per le poche presenze in città e per l’assenza di spazi al chiuso per l’intrattenimento. La proposta di bando di gara è in fase di stesura e la Giunta potrebbe presto portarla in Consiglio comunale.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.