Palacongressi Taormina: tempi sempre più incerti per i lavori e l'appalto gestione :ilSicilia.it
Messina

la svolta è ancora lontana

Palacongressi Taormina: tempi sempre più incerti per i lavori e l’appalto gestione

di
6 Settembre 2021

Si prospettano tempi  sempre più incerti per la svolta attesa a Taormina sul futuro del Palazzo dei Congressi.  Al momento non è stato, infatti, ancora pubblicato dal Comune il bando di gara per i lavori finanziati dalla Regione con 231 mila euro, che dovrebbero servire alla sistemazione finale dell’auditorium di piazza Vittorio Emanuele.

Ma al contempo è ancora lontano dalla definizione anche e soprattutto l’iter per la gara d’appalto che dovrebbe affidare la gestione dell’immobile a privati, ed al cui proposito il Consiglio comunale ha già esitato nel 2020 un atto di indirizzo che prevede l’affidamento dei servizi con un canone di affitto di circa 44 mila euro all’anno.

Sui lavori finanziati dalla Regione Siciliana (assessorato ai Beni Culturali) con molta probabilità arriverà ad ottobre il momento della pubblicazione dell’apposito avviso di gara sul Mepa ma non vi è certezza in tal senso. Si tratta di interventi che dovrebbero completare quanto era stato eseguito in occasione del G7 con fondi allora del governo centrale, sia nella fase che precedette il summit dei grandi della Terra svoltosi nella primavera del 2017 sia poi anche nell’autunno dello stesso anno quando si tenne sempre a Taormina una successiva riunione sempre una riunione del G7 per le Pari Opportunità. In questo caso si dovrebbe intervenire con fondi messi a disposizione dalla Regione tramite le risorse destinate ai “teatri minori”. 

Se questi lavori si svolgeranno probabilmente nella prima fase del 2022, sullo sfondo, però, rimane in primis la preoccupazione che invece siano ancora assai più lunghi i tempi per arrivare all’affidamento della gestione del Palazzo dei Congressi ai privati. Si deve ancora prevedere la relativa gara, e tenendo conto dei passaggi che caratterizzano un iter del genere la prospettiva realistica è che nella più ottimistica delle ipotesi il Palacongressi potrebbe trovare un gestore – e quest’ultimo avrà le chiavi in mano – non prima del 2023. In ogni caso, a quanto pare, stando anche alle posizioni già espresse dall’Amministrazione comunale in carica, la discussione sul Palacongressi non dovrà tornare in Consiglio comunale. Sarà la Giunta ad approvare la proposta di bando del quale esiste una bozza pronta e che avrà poi seguito con l’espletamento di una gara internazionale.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin