Palazzina dello spaccio e famiglie in competizione per lo smercio: in manette tre donne e un uomo :ilSicilia.it
Agrigento

IL FATTO

Palazzina dello spaccio e famiglie in competizione per lo smercio: in manette tre donne e un uomo

di
6 Ottobre 2021

Otto telecamere, le cui riprese venivano registrate, posizionate su tutti i lati, in alto e in basso, della palazzina. Un sistema di “protezione” – non autorizzato – che consentiva ai due nuclei familiari di poter smerciare, con una certa tranquillità, cocaina, eroina e marijuana. E gli acquirenti arrivavano dai Comuni limitrofi per accaparrarsi quella “roba” venduta a basso prezzo.

I due nuclei familiari, stando a quanto è emerso dall’inchiesta, talvolta collaboravano nell’attività di spaccio. Ma, nella maggior parte dei casi, erano invece in competizione. Di fatto però avevano creato -nella palazzina del viale Della Vittoria a Canicattì (Ag) – una fiorente “piazza” di spaccio. Quattro le misure cautelari, firmate dal gip del tribunale di Agrigento, per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

Si tratta di 3 obblighi di dimora e un divieto di dimora a Canicattì a carico di tre donne e un uomo. Spacciatori spregiudicati visto che i carabinieri della compagnia di Canicattì, che è coordinata dal capitano Luigi Pacifico, durante le indagini hanno sorpreso una delle donne indagate che era in possesso di cocaina mentre era in compagnia della figlia undicenne. Bambina che aveva anch’essa cocaina addosso.

La mamma aveva 7 dosi di cocaina nascoste nell’abbigliamento intimo – ha ricostruito il capitano Pacifico, durante la conferenza stampa che s’è svolta alla caserma ‘Biagio Pistone’, – . Ma anche la bambina aveva dosi di cocaina addosso. Un’attività di spaccio veramente spregiudicata lungo il viale Della Vittoria, ossia il proseguimento di via Regina Margherita che è il ‘salotto buono’ della città, che ha trasformato la zona in un contesto degradato”.

Gli indagati dell’operazione antidroga denominata “Vittoria” – 4 i destinatari di divieti e obblighi di dimora – sono stati anche vittime di atti intimidatori perché, con il loro agire, il “mercato” dello spaccio era andato in fibrillazione. “Ci sono state auto incendiate e auto raggiunte da colpi d’arma da fuoco” – ha spiegato il capitano Luigi Pacifico che guida la compagnia dell’Arma di Canicattì (Ag) – . Le investigazioni hanno fatto emergere anche che gli indagati commerciavano in “speedball” e che, nel 2019, quello smercio aveva anche avuto esiti letali.

Lo “speedball” si ottiene combinando dosi di cocaina ed eroina ed ha l’immediato effetto di euforia, ma è un effetto limitato nel tempo e devastante. Una dose costa dai 10 ai 15 euro.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin