Palazzo Bonocore, in mostra i vincitori del World Press Photo | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Fino al 7 ottobre

Palazzo Bonocore, in mostra i vincitori del World Press Photo | VIDEO

di
17 Settembre 2018

Guarda il video in alto

La 61ª Mostra Internazionale di World Press Photo, la più importante al mondo di foto­giornalismo, fa tappa a Palermo in esposizione a Palazzo Bonocore, fino al 7 ottobre.

I paesi partecipanti, nell’edizione Exibition 2018, sono stati 125, con 4.548 fotografi e 73.044 immagini proposte.

World Press Photo

Esposti 135 scatti, realizzati da 42 fotografi provenienti da 22 paesi di tutto il mondo (Australia, Bangladesh, Belgio, Canada, Cina, Colombia, Danimarca, Egitto, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Norvegia, Russia, Serbia, Sud Africa, Spagna, Svezia, Paesi Bassi, Regno Unito, USA e Venezuela) selezionati da una giuria internazionale indipendente nell’ambito di diverse categorie, Natura e Ambiente, Vita Quotidiana, Mutamenti Climatici e Sociali, Ritrattistica, Reportage di Guerra.

Lo scatto premiato dalla Fondazione World Press Photo è “Venezuela Crisis” di Ronaldo Schemidt.

ronaldo-schemidt
“Venezuela Crisis”

Il fotografo ha immortalato un ragazzo venezuelano avvolto dalle fiamme mentre cerca di scappare. Sul viso ha una maschera antigas, addosso una t-shirt bianca. Sullo sfondo una scritta nera, su un muro di mattoni rossi, sembra essere l’utopia più lontana. “Paz”, “pace”, viene sparata su quello stesso muro da una pistola.

L’immagine mostra José Víctor Salazar Balza in mezzo ai violenti scontri con la polizia antisommossa durante la protesta a Caracas; il giovane ha preso fuoco quando è esploso il serbatoio di una motocicletta, sopravvivendo all’incidente con ustioni di primo e secondo grado.

In programma durante l’esposizione, inserita nel cartellone di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018, anche incontri (inizio ore 18.30) con tre dei cinque italiani  ad aver vinto quest’anno.

World Press Photo

Apre, sabato 22 settembre, Luca Locatelli autore del reportage “Hunger Solution” che ha vinto il secondo premio sezione storie per la categoria Ambiente; il 29 ospite del palazzo sarà l’unico siciliano in gara, Alessio Mamo, il fotoreporter catanese che si è aggiudicato il secondo posto per la sezione singles per la categoria People con lo scatto su “Manal”.

Ultimo appuntamento, sabato 6 ottobre, con Francesco Pistilli, terzo premio sezione storie per la categoria General News grazie al reportage “Lives in limbo”.

Anche quest’anno Cime proporrà incontri di approfondimento sul mondo del fotogiornalismo e dell’arte a trecentosessanta gradi: “Da Pizzo Sella art village all’incompiuto siciliano” (21 settembre); “Palermo 2018 : L’arte e la città” (27 settembre);  Evelina Santangelo, infine, chiuderà il ciclo di incontri, mercoledì 3 ottobre, raccontando Alessandro Leongrande, l’intellettuale che ha saputo rendersi voce autorevole sul fenomeno delle migrazioni.

Ingresso con biglietto (5 euro intero, 4 euro ridotto) dal lunedì al giovedì dalle ore 10 alle 20; dal venerdì alla domenica dalle ore 10 alle 22.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.