Palazzo Ciampoli sarà il museo permanente della Città di Taormina :ilSicilia.it
Messina

il sito è ora sotto la tutela del Parco di Naxos

Palazzo Ciampoli sarà il museo permanente della Città di Taormina

di
10 Dicembre 2019

Dopo una vana attesa di oltre 20 anni, con le incompiute vicende di Badia Vecchia, la Città di Taormina avrà presto in via permanente il suo museo con sede a Palazzo Ciampoli, l’edificio ristrutturato dalla Regione e riaperto nel 2015 ma che sino ai mesi scorsi era rimasto chiuso in attesa di una svolta ora arrivata sotto la gestione del Parco archeologico di Naxos-Taormina.

L’ente diretto da Gabriella Tigano punta, infatti, alla valorizzazione dell’antico complesso edificato nel lontano 1412 e in vista del nuovo anno è già al lavoro per consentire una fruizione continuativa del bene.

“Intendiamo realizzare un’esposizione dedicata all’antica Tauromenion e stiamo già lavorando in questa direzione – afferma la direttrice del Parco -. È stata, intanto, prorogata fino a gennaio la mostra di archeologica subacquea e a breve arriveranno nuovi reperti sottomarini. Ricordiamo che nello scorso mese di ottobre in questa sede si sono riuniti oltre un centinaio di studiosi, italiani e stranieri, per il VI Convegno nazionale di Archeologia Subacquea e XVI Rassegna Internazionale di Giardini Naxos: un progetto del compianto Sebastiano Tusa che di fatto ha riportato Naxos e la sua baia al centro del mondo accademico”.

Valeria Li Vigni
Valeria Li Vigni

La mostra – organizzata dalla Soprintendenza del Mare, diretta dall’antropologa Valeria Li Vigni – è stata prorogata fino al 12 gennaio.

Sono già arrivati a Palazzo Ciampoli, in particolare, un rostro della Battaglia delle Egadi, un elmo e un’ancora.

“Dal Museo di Messina – ha evidenziato la direttrice del Parco, Gabriella Tigano – arriveranno ora altri importanti reperti: si tratta di pezzi del ritrovamento di Capo Rasocolmo, attualmente esposti al MuMe e gentilmente in prestito dal suo direttore Orazio Micali. Integrata da questi reperti, la mostra proseguirà, sempre a ingresso gratuito, fino al 12 gennaio arricchendo l’offerta culturale di Taormina e consentendoci di “testare” Palazzo Ciampoli, edificio storico e spazio polifunzionale, che si presta anche a incontri culturali, da quest’anno nella rosa dei beni del parco e presto sede di un’importante raccolta permanente di reperti archeologici provenienti o in prestito da altre collezioni e dai nostri magazzini”.

Si punta, dunque, all’implementazione dell’allestimento della mostra in corso e più in generale di quanto verrà esposto poi in futuro all’interno del Palazzo Ciampoli.

“Vogliamo rendere funzionale per tutto l’anno. Palazzo Ciampoli deve rimanere aperto il più possibile”, afferma l’arch. Tigano -. Per questo intendiamo realizzare un’esposizione dedicata all antica Tauromenion, senza comunque precluderci altre possibilità per ampliare l’offerta ai turisti e ai visitatori. Effettueremo inoltre nei prossimi mesi alcuni lavori di manutenzione ordinaria all’interno del sito per risolvere alcune criticità e per migliorare, quindi, sotto ogni vario aspetto la fruibilità del bene”. Palazzo Ciampoli, tra l’altro, dispone di un accesso per i disabili dalla Via Fazello e ciò potrà facilitare la presenza in questo sito anche da parte delle persone con problematiche motorie.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.