Palazzo delle Aquile, lo strappo con il M5S non si ricuce: Gelarda dice sì alla Lega :ilSicilia.it
Palermo

venerdì il redde rationem

Palazzo delle Aquile, lo strappo con il M5S non si ricuce: Gelarda dice sì alla Lega

28 Luglio 2018

Igor Gelarda, l’ispettore di polizia, eletto in consiglio comunale a Palermo nelle fila del Movimento 5 Stelle, dopo aver consumato lo strappo con il capo gruppo Ugo Forello a Sala delle Lapidi, con il passaggio al gruppo misto, la prossima settimana ufficializzerà la sua adesione al progetto della Lega del vice premier e ministro dell’Interno Matteo Salvini.

M5sDopo un anno di incomprensioni e frizioni con il Movimento 5 Stelle a Palermo – scrive Gelarda nel suo profilo Facebook – a mio parere troppo distante dalle istanze della base e degli elettori e dello stesso programma, sposando il quale siamo stati eletti, e dopo avere inviato numerose segnalazioni a Roma, Milano e Palermo, ho deciso di dare un segnale forte prima dichiarandomi indipendente e poi passando al gruppo misto“.

“Speravo che questo attirasse l’attenzione e soprattutto l’azione del Movimento 5 Stelle regionale e nazionale sul problema Palermo. Questo non è avvenuto”.

“Mi è stato proposto di essere il responsabile per i rapporti con le istituzioni. Accettando di entrare nella Lega, con il ruolo che mi è stato dato, sarò tra quelli che avranno la possibilità di indicare la linea politica sul nostro territorio”.

Il passaggio di Gelarda alla Lega sarà formalizzato la prossima settimana alla presenza del commissario della Lega per la Sicilia Stefano Candiani che avrebbe personalmente contattato Gelarda per il passaggio tra le fila di Salvini.

 

INIZIA UN NUOVO PROGETTO PER LA MIA TERRA Dopo un anno di incomprensioni e frizioni con il movimento 5 stelle a…

Pubblicato da Igor Gelarda su Venerdì 27 luglio 2018

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.