Palazzo di cemento sarà simbolo di legalità. Pogliese: "Presto le chiavi a 500 catanesi" :ilSicilia.it
Catania

il complesso a Librino era finito nelle mani della mafia

Palazzo di cemento sarà simbolo di legalità. Pogliese: “Presto le chiavi a 500 catanesi”

di
19 Dicembre 2020

Era attesa già da mesi, o per meglio dire da anni, la svolta e alla fine, alle porte di Natale, il sindaco di Catania Salvo Pogliese ha preannunciato che nella prima fase del 2021 si concretizzerà la rinascita di Palazzo di cemento a Librino, con la consegna delle chiavi delle abitazioni ad oltre 500 cittadini. 

“Questa mattina – ha detto Pogliese -, accompagnato dall’assessore Enrico Trantino e dal capo di Gabinetto Giuseppe Ferraro, ho effettuato un sopralluogo al Palazzo di cemento di Librino per verificare l’avanzamento dei lavori di ristrutturazione dei 96 appartamenti che, tra poche settimane, saranno consegnati a famiglie catanesi in difficoltà abitativa raggiungendo così due importanti risultati: la restituzione alla Città di un’opera dall’alta valenza simbolica e il sorriso regalato a oltre 500 catanesi, di cui tantissimi bambini, nel difficile momento che tutti noi stiamo attraversando”.

Palazzo di cemento a Librino, con i suoi 52 metri di altezza adagiati su 16 piani, venne costruito nel lontano 1981, quasi 40 anni fa, dall’imprenditore Francesco Finocchiaro, che il giornalista Giuseppe Fava (ucciso dalla mafia), nel primo editoriale de I Siciliani, intitolato appunto “I quattro cavalieri dell’apocalisse mafiosa”, menzionò a suo tempo proprio come “uno dei quattro cavalieri dell’apocalisse mafiosa”.

Palazzo di cemento

Questo palazzo è stato a lungo simbolo del degrado e dell’abbandono, una centrale di spaccio di droga, una struttura controllata dai clan mafiosi che lo utilizzarono proprio come ricettacolo per lo smercio di sostanze stupefacenti e per traffici di armi. La prospettiva è adesso quello di diventare un simbolo di legalità e di ritorno alla normalità in una zona dormitorio della periferia sud-est del capoluogo etneo. Il finanziamento che ha consentito la realizzazione degli interventi concerne l’ex Gescal (Gestione case per i lavoratori).

La fase finale del 2020 ma soprattutto poi il 2021 dovrebbe rappresentare il momento che metterà un punto definitivo ad una storia infinita. Quando venne edificato questo complesso prevedeva i primi due piani per attività commerciali, il piano ammezzato e il primo piano per uffici, mentre i restanti dodici piani superiori per alloggi da assegnare con graduatoria pubblica. Nel 1984 i lavori si fermarono e parallelamente il cavaliere Finocchiaro venne rinviato a giudizio per vicende riguardanti concessioni di appalti.

Nel 1986 ci fu, quindi, una nuova gara d’appalto per il completamento dell’edificio aggiudicata ad una ditta di Agrigento ma a seguito delle relative verifiche i Vigili del fuoco negarono il nulla osta sul “certificato di prevenzione incendi”, ravvisando la necessità che venissero eseguiti dei costosi lavori di adeguamento dei comparti delle scale antincendio. Da quel momento la consegna dei lavori è rimasta una chimera e nel 1992 il palazzo venne occupato abusivamente da una quarantina di famiglie, sgomberate solo nella primavera 2011.

Le parole confortanti del sindaco Pogliese, con il sopralluogo di queste ore, danno linfa all’auspicio di quella svolta imminente che già lo scorso ottobre era stato fatto dall’assessore all’Urbanistica e ai Lavori pubblici, Enrico Trantino, che aveva ipotizzato la consegna delle opere prima di Natale. Servirà ancora qualche settimana di tempo, ma in sostanza la prospettiva che si affaccia all’orizzonte è in linea con quella deadline.

La consegna delle case agli assegnati, che per altro hanno “vigilato” sull’avanzamento effettivo delle opere e sulla necessità del superamento di rinvii e ritardi, rappresenta un momento di speranza i un luogo dove vennero anche rinvenute armi e ordigni e dove si è dovuto anche affrontare e superare lo scoglio di ulteriori problematiche legate ai mancati pagamenti all’impresa e del reperimento delle somme per il completamento dell’edificio.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin