Palazzo Sant'Elia: in mostra le opere di Nicola Figlia, il "pittore dei volti" | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

Fino al 22 aprile

Palazzo Sant’Elia: in mostra le opere di Nicola Figlia, il “pittore dei volti” | FOTO

4 Aprile 2019
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'

Guarda la fotogallery in alto

Nelle sue opere convivono in maniera dialettica Neorealismo, Espressionismo, metafisica, influenze bizantine, il tutto racchiuso nell’ossessione del personaggio e del volto: l’artista a cui ci riferiamo è Nicola Figlia, siciliano, definito il “pittore di volti“.

La sua personale, “Caos – Dipinti di Nicola Figlia“, curata da Ignazio Francesco Ciappa, si inaugura venerdì 5 aprilePalazzo Sant’Elia (Via Maqueda, 81) dove, nella Sala delle Capriate, si potranno ammirare opere recenti e più lontane, dell’artista originario di Mezzojuso.

Volti ironici, ghignanti, beffardi, malinconici, assenti: e maschere, surreali, fisiche, monolitiche, pesanti, colte e quasi mai naif.

Nicola Figlia non lascia nulla al caso, ma assorbe casomai una lunga tradizione di visioni che fa irrimediabilmente sue. Chi individua, tra le pieghe dei volti accatastati che fanno capolino dalle opere, uno sguardo Fauve sbaglia o si ferma soltanto alla prima impressione.

Figlia si immerge nel suo caos ordinato per recuperare eleganti stesure di colore, cromie accese ed intense che non possono “non attingere al repertorio popolare, alla religiosità, all’arte bizantina, al dualismo greco latino” fortemente presente in opere come “La grande Gerusalemme celeste”, “Doppia Misericordia” o “Nostalgia”.

Ma le radici del pittore affondano ancora più nel profondo: lui stesso si definisce “greco” e popola opere come “Teatrino olimpico” o “Baccanale” di impossibili ed inossidabili centauri, sileni, arpie, altre divinità zoomorfe.

Quasi maschere pirandelliane, sembrano definire il personaggio al quale appartengono – scrive il curatore – lasciando intravedere il concetto secondo cui ogni essere umano recita un ruolo nel gran teatro del mondo”. E così anche nei reiterati omaggi ad Ensor, Picasso, De Chirico o Guttuso, su cui Nicola Figlia interviene, padroneggiando il colore.

Fino 22 aprile; dal martedì al venerdì dalle 9.30 alle 18.30, sabato, domenica e festivi  dalle 14.30 alle 18.30.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.