Palazzo Sant'Elia: in mostra le opere di Nicola Figlia, il "pittore dei volti" | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

Fino al 22 aprile

Palazzo Sant’Elia: in mostra le opere di Nicola Figlia, il “pittore dei volti” | FOTO

di
4 Aprile 2019

Guarda la fotogallery in alto

Nelle sue opere convivono in maniera dialettica Neorealismo, Espressionismo, metafisica, influenze bizantine, il tutto racchiuso nell’ossessione del personaggio e del volto: l’artista a cui ci riferiamo è Nicola Figlia, siciliano, definito il “pittore di volti“.

La sua personale, “Caos – Dipinti di Nicola Figlia“, curata da Ignazio Francesco Ciappa, si inaugura venerdì 5 aprilePalazzo Sant’Elia (Via Maqueda, 81) dove, nella Sala delle Capriate, si potranno ammirare opere recenti e più lontane, dell’artista originario di Mezzojuso.

Volti ironici, ghignanti, beffardi, malinconici, assenti: e maschere, surreali, fisiche, monolitiche, pesanti, colte e quasi mai naif.

Nicola Figlia non lascia nulla al caso, ma assorbe casomai una lunga tradizione di visioni che fa irrimediabilmente sue. Chi individua, tra le pieghe dei volti accatastati che fanno capolino dalle opere, uno sguardo Fauve sbaglia o si ferma soltanto alla prima impressione.

Figlia si immerge nel suo caos ordinato per recuperare eleganti stesure di colore, cromie accese ed intense che non possono “non attingere al repertorio popolare, alla religiosità, all’arte bizantina, al dualismo greco latino” fortemente presente in opere come “La grande Gerusalemme celeste”, “Doppia Misericordia” o “Nostalgia”.

Ma le radici del pittore affondano ancora più nel profondo: lui stesso si definisce “greco” e popola opere come “Teatrino olimpico” o “Baccanale” di impossibili ed inossidabili centauri, sileni, arpie, altre divinità zoomorfe.

Quasi maschere pirandelliane, sembrano definire il personaggio al quale appartengono – scrive il curatore – lasciando intravedere il concetto secondo cui ogni essere umano recita un ruolo nel gran teatro del mondo”. E così anche nei reiterati omaggi ad Ensor, Picasso, De Chirico o Guttuso, su cui Nicola Figlia interviene, padroneggiando il colore.

Fino 22 aprile; dal martedì al venerdì dalle 9.30 alle 18.30, sabato, domenica e festivi  dalle 14.30 alle 18.30.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.