Palermo, 18 arresti per mafia: i nomi degli indagati :ilSicilia.it
Palermo

IL FATTO

Palermo, 18 arresti per mafia: i nomi degli indagati

di
6 Luglio 2022

A seguito delle indagini del nucleo investigativo dei carabinieri che hanno delineato l’organigramma del mandamento e individuato il reggente del clan, si è proceduto all’arresto di 18 individui.

Gli indagati nell’operazione Vento dei carabinieri del comando provinciale di Palermo sono: Giuseppe Di Giovanni, 42 anni, Tommaso Lo Presti, 57 anni, Giuseppe Auteri, 47 anni, Calogero Lo Presti, 69 anni, Giuseppe Giunta, 35 anni, Domenico Lo Iacono, 46 anni, Salvatore Di Giovanni, 28 anni, Antonino Ventimiglia, 52 anni , Roberto Verdone, 51 anni, Nicoló Di Michele, 31 anni, Salvatore Incontrera, 25 anni, Antonino Stassi, 33 anni, Giorgio Stassi, 67 anni, Andrea Damiano, 44 anni, Gioacchino Pispicia, 25 anni, Antonino Bologna, 25 anni, Gioacchino Fardella, 21 anni, Leonardo Marino, 32 anni. I 18 fermati sono stati portati nel carcere Pagliarelli.

Nell’operazione Vento che ha portato a 18 fermi nella notte dei carabinieri del comando provinciale nel mandamento mafioso della Zisa c’è un capitolo che riguarda il condizionamento del voto nel capoluogo. Il riferimento è senz’altro alle ultime elezioni amministrative. Al momento trapela ben poco su questi aspetti e nel provvedimento di fermo ci sono numerosi omissis. I boss coinvolti nell’inchiesta avrebbero procurato voti ad alcuni candidati. Certamente alcuni di loro erano sotto intercettazione ambientale o telefonica da tempo. Una conferma arriva anche da quanto intercettato a metà maggio dagli agenti della squadra mobile. Quando Giuseppe Incontrera ucciso sei giorni fa da Salvatore Fernandez aveva intenzione di fuggire perché già si sentiva braccato. Anche Di Giovanni aveva detto alla moglie, il 19 maggio scorso, spiegava che “stasera ci dobbiamo coricare là… ci vado solo io… tranquilla… pure a me dispiace ma che ci possiamo fare”.

La droga rappresenta una fonte sicura di reddito per la mafia. Una nuova conferma arriva dall’operazione Vento dei carabinieri del comando provinciale che ha portato a 18 fermi nella notte nel mandamento di Porta Nuova. I militari hanno accertato che gli uomini della cosca garantivano un servizio per i clienti attivo h24 che sarebbe stato gestito, secondo l’accusa, da Roberto Verdone. Nicolò Di Michele e Salvatore Incontrera (figlio dell’uomo assassinato alla Zisa) . In ognuna delle piazze principali di spaccio sarebbe stato individuato un capo: secondo gli investigatori, Giuseppe Giunta e Andrea Damiano al Capo e a Ballarò, Gioacchino Pispicia in via Cipressi, Leonardo Marino alla Vucciria, Antonino e Giorgio Stassi in via Regina Bianca.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro