Palermo 2022, Orlando senza eredi. Il Pd pensa a Provenzano :ilSicilia.it
Palermo

IN VISTA DELLE AMMINISTRATIVE

Palermo 2022, Orlando senza eredi. Il Pd pensa a Provenzano

di
14 Ottobre 2020

Se dicessi che Leoluca Orlando, l’immarcescibile sindaco di Palermo, mi fa pena, direi una bugia colossale. Balzebù non ha bisogno di mentire, ma vedere in quanti, nel centrosinistra, si affannano già a contendersi la sua eredità, mi diverte davvero molto. Anche perché non mi sembra di vedere in quella parte dello schieramento politico, che Orlando si è affannato a ridicolizzare, un nome in grado di proclamarsi il legittimo erede del plurisindaco di Palermo. Si parla di una contesa tra Fabio Giambrone e Giusto Catania, ma, senza offesa, nessuno dei due mi sembra all’altezza di una successione così pesante, nel senso che Orlando pesa oltre il quintale.

Giambrone e Catania, secondo il mio immodesto parere, al massimo avrebbero potuto essere dei discreti funzionari comunali: esecutori di ordini. Il primo è considerato la brutta copia di Orlando, mentre al secondo vengono attribuite tutte le nefandezze che riguardano la circolazione: dalla Ztl alle piste ciclabili. Insomma, se uno dei due, dovesse essere il candidato del centrosinistra, sarebbe clamorosamente bocciato dagli elettori.

Fino a qualche settimana fa, erano insistenti le voci su una possibile candidatura del rettore dell’università, Fabrizio Micari, ma il suo nome sarebbe stato bocciato dal Partito democratico. Pare che alla base di questa bocciatura, ci siano alcuni scontri avvenuti durante la campagna elettorale del 2017, quando Micari correva per la presidenza della Regione.

In casa Dem c’è chi vorrebbe puntare su una candidatura prestigiosa, come quella dell’attuale ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano, che altri vorrebbero candidare alla presidenza della Regione in contrapposizione a Nello Musumeci o a colui che sarà il candidato del centrodestra. Ma il giovane ministro è sicuro che abbia voglia di gettarsi in bolge come il Comune di Palermo o la Regione siciliana? Francamente, mi sembra piuttosto difficile. Ma alle prossime elezioni dovrà dimostrare il consenso che è riuscito a costruire intorno a sé in questi anni al Ministero per il Sud. Potrebbe candidarsi al parlamento nazionale, magari se non tornerà il voto di preferenza. Perché andarsi a cercare i voti, uno per uno, non è impresa facile. Se Provenzano, però, volesse far un patto con il diavolo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin