Palermo, 29 anni fa la mafia uccideva Libero Grassi: vernice rossa per ricordare il suo assassinio| LE FOTO :ilSicilia.it
Palermo

La commemorazione

Palermo, 29 anni fa la mafia uccideva Libero Grassi: vernice rossa per ricordare il suo assassinio| LE FOTO

di
29 Agosto 2020

GUARDA LE FOTO IN ALTO

Ventinove anni fa la mafia uccideva Libero Grassi, l’imprenditore che si era rifiutato di pagare il pizzo a Cosa Nostra. Questa mattina i figli Alice e Davide Grassi, hanno spruzzato nuova vernice rossa e affisso il manifesto nel luogo dove è stato ucciso il padre 29 anni fa.
Alla commemorazione erano presenti anche il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, l’assessore regionale Toto Cordaro in rappresentanza del governatore Nello Musumeci, il presidente di Confindustria Palermo, Alessandro Albanese, il prefetto Giuseppe Forlani, i vertici di guardia di finanza, carabinieri e polizia.

Il Parco Libero

Il Parco Libero, una volta bonificato e sottratto definitivamente al degrado e all’abbandono, rivestirà un ruolo di grande importanza – non soltanto simbolica – per la crescita culturale e civica del nostro territorio“.

Lo ha detto oggi Patrizia Di Dio, presidente di Confcommercio Palermo, in occasione della commemorazione dell’imprenditore Libero Grassi alla quale ha preso parte Anna Lapini, componente della Giunta nazionale con delega alla legalità, in rappresentanza del presidente nazionale Carlo Sangalli.

Confcommercio Nazionale, che dal 2009 sostiene il “Premio Libero Grassi”, sosterrà anche il workshop internazionale di progettazione del “Parco Libero”, riconoscendo all’iniziativa “indubbio valore etico e funzionale anche per la rivitalizzazione della città”, come ha scritto Carlo Sangalli ad Alice Grassi, figlia dell’imprenditore assassinato e presidente dell’Associazione Parco Libero. Anche Confcommercio Palermo sosterrà concretamente lo sviluppo delle attività del workshop attraverso la propria rete di associati.

“I valori della libertà d’impresa, testimoniata dalle scelte di vita di Libero Grassi, e sancita dall’art. 41 della Costituzione – ha detto Anna Lapini – sono principi fondanti della nostra Confederazione: perché se un imprenditore non è libero di esercitare la propria attività senza condizionamenti, oltre a compromettere l’esistenza della propria impresa, non può contribuire allo sviluppo dell’economia, della società, del territorio in cui vive. Restituire alla città di Palermo il “Parco Libero” e renderlo fruibile – attraverso il coinvolgimento attivo della cittadinanza, di associazioni, di esperti e studenti, del mondo accademico, della società civile – è quindi non solo una iniziativa di indubbio valore etico ma motore di rigenerazione urbana e sociale, funzionale a quella rivitalizzazione delle città che senza attività commerciali, turistiche e di servizi rischiano di spegnersi”.

La figura di Libero Grassi – ha aggiunto Patrizia Di Dio – va ricordata anche grazie a iniziative e progetti come questo, a beneficio della continua affermazione di principi di legalità, etica e di giustizia. Da imprenditori dobbiamo sempre avere presente il sacrificio di Libero Grassi, un collega che non solo si oppose al pagamento del pizzo ma condusse una vera e propria campagna contro chi, tra i suoi stessi colleghi imprenditori, si piegava alla mafia. L’invito è quello di sostenere concretamente, ognuno per le proprie possibilità, l’attività dell’Associazione “Parco Libero” erogando un contributo attraverso l’iniziativa di raccolta fondi tramite Banca Etica, all’Iban IT97E0501804600000016955932, intestato ad Associazione Parco Libero con la causale Donazione Associazione Parco Libero”.

Le Acli provinciali di Palermo

“Il suo sacrificio ha aiutato la presa di coscienza di altri imprenditori onesti che hanno avuto il coraggio di non pagare il pizzo e denunziare gli estortori. Abbiamo il dovere di mantenere viva la memoria-dichiara Nino Tranchina, presidente della Acli di Palermo-perché ancora è lunga la strada da dobbiamo percorrere per sconfiggere le mafie e la criminalità organizzata”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti