Palermo, 29 anni fa la mafia uccideva Libero Grassi: vernice rossa per ricordare il suo assassinio| LE FOTO :ilSicilia.it
Palermo

La commemorazione

Palermo, 29 anni fa la mafia uccideva Libero Grassi: vernice rossa per ricordare il suo assassinio| LE FOTO

di
29 Agosto 2020

GUARDA LE FOTO IN ALTO

Ventinove anni fa la mafia uccideva Libero Grassi, l’imprenditore che si era rifiutato di pagare il pizzo a Cosa Nostra. Questa mattina i figli Alice e Davide Grassi, hanno spruzzato nuova vernice rossa e affisso il manifesto nel luogo dove è stato ucciso il padre 29 anni fa.
Alla commemorazione erano presenti anche il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, l’assessore regionale Toto Cordaro in rappresentanza del governatore Nello Musumeci, il presidente di Confindustria Palermo, Alessandro Albanese, il prefetto Giuseppe Forlani, i vertici di guardia di finanza, carabinieri e polizia.

Il Parco Libero

Il Parco Libero, una volta bonificato e sottratto definitivamente al degrado e all’abbandono, rivestirà un ruolo di grande importanza – non soltanto simbolica – per la crescita culturale e civica del nostro territorio“.

Lo ha detto oggi Patrizia Di Dio, presidente di Confcommercio Palermo, in occasione della commemorazione dell’imprenditore Libero Grassi alla quale ha preso parte Anna Lapini, componente della Giunta nazionale con delega alla legalità, in rappresentanza del presidente nazionale Carlo Sangalli.

Confcommercio Nazionale, che dal 2009 sostiene il “Premio Libero Grassi”, sosterrà anche il workshop internazionale di progettazione del “Parco Libero”, riconoscendo all’iniziativa “indubbio valore etico e funzionale anche per la rivitalizzazione della città”, come ha scritto Carlo Sangalli ad Alice Grassi, figlia dell’imprenditore assassinato e presidente dell’Associazione Parco Libero. Anche Confcommercio Palermo sosterrà concretamente lo sviluppo delle attività del workshop attraverso la propria rete di associati.

“I valori della libertà d’impresa, testimoniata dalle scelte di vita di Libero Grassi, e sancita dall’art. 41 della Costituzione – ha detto Anna Lapini – sono principi fondanti della nostra Confederazione: perché se un imprenditore non è libero di esercitare la propria attività senza condizionamenti, oltre a compromettere l’esistenza della propria impresa, non può contribuire allo sviluppo dell’economia, della società, del territorio in cui vive. Restituire alla città di Palermo il “Parco Libero” e renderlo fruibile – attraverso il coinvolgimento attivo della cittadinanza, di associazioni, di esperti e studenti, del mondo accademico, della società civile – è quindi non solo una iniziativa di indubbio valore etico ma motore di rigenerazione urbana e sociale, funzionale a quella rivitalizzazione delle città che senza attività commerciali, turistiche e di servizi rischiano di spegnersi”.

La figura di Libero Grassi – ha aggiunto Patrizia Di Dio – va ricordata anche grazie a iniziative e progetti come questo, a beneficio della continua affermazione di principi di legalità, etica e di giustizia. Da imprenditori dobbiamo sempre avere presente il sacrificio di Libero Grassi, un collega che non solo si oppose al pagamento del pizzo ma condusse una vera e propria campagna contro chi, tra i suoi stessi colleghi imprenditori, si piegava alla mafia. L’invito è quello di sostenere concretamente, ognuno per le proprie possibilità, l’attività dell’Associazione “Parco Libero” erogando un contributo attraverso l’iniziativa di raccolta fondi tramite Banca Etica, all’Iban IT97E0501804600000016955932, intestato ad Associazione Parco Libero con la causale Donazione Associazione Parco Libero”.

Le Acli provinciali di Palermo

“Il suo sacrificio ha aiutato la presa di coscienza di altri imprenditori onesti che hanno avuto il coraggio di non pagare il pizzo e denunziare gli estortori. Abbiamo il dovere di mantenere viva la memoria-dichiara Nino Tranchina, presidente della Acli di Palermo-perché ancora è lunga la strada da dobbiamo percorrere per sconfiggere le mafie e la criminalità organizzata”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.