Palermo: 40 anni dalla morte del giudice Gaetano Costa, incontro per ricordarlo :ilSicilia.it
Palermo

l'evento il 6 agosto a Piazzetta Bagnasco

Palermo: 40 anni dalla morte del giudice Gaetano Costa, incontro per ricordarlo

di
5 Agosto 2020

A 40 anni dalla sua morte per mano mafiosa, il ricordo del Giudice Gaetano Costa. Incontro – dibattito, il 6 agosto in piazzetta Bagnasco, per fare il punto sulla lotta alla mafia.

Un infiltrato nel palazzo dei veleni. A che punto è la lotta alla mafia è il titolo dell’incontro, in programma alle 18:30 di giovedì 6 agosto a piazzetta Bagnasco, dedicato alla memoria del Procuratore della Repubblica di Palermo, Gaetano Costa, del quale proprio il 6 agosto ricorre il 40° anniversario della sua morte.

A promuoverlo è l’associazione “Per onorare la memoria dei Caduti nella lotta contro la mafia” in collaborazione con l’associazione “Piazzetta Bagnasco” e con il contributo dell’associazione “Emanuele Piazza”. Un pomeriggio che si preannuncia interessante in virtù del parterre di presenze che, attraverso la figura del giudice Costa, contribuirà a fare il punto su quanto raggiunto oggi nella lotta alla criminalità mafiosa.

A intervenire saranno: Donato Didonna, presidente dell’associazione “Piazzetta Bagnasco”; Carmine Mancuso, presidente dell’associazione “Per onorare la memoria dei Caduti nella lotta contro la mafia”; lo storico Giuseppe Carlo Marino; i giornalisti Angelo Mangano, Felice Cavallaro, Francesco Viviano e Lillo Miceli.

Saranno presenti anche numerose autorità cittadine. A offrici un ritratto quanto mai vivo e attuale del Procuratore della Repubblica, ucciso dalla mafia il 6 agosto del 1980, sarà il figlio, l’avvocato Michele Costa. Ingresso gratuito fino a esaurimento posti.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.
Ieri 16:47