Palermo: 40 operai Amat a rischio licenziamento, proteste sui tetti dell'azienda :ilSicilia.it
Palermo

ieri sera in via roccazzo

Palermo: 40 operai Amat a rischio licenziamento, proteste sui tetti dell’azienda

di
18 Giugno 2021

Tensione ieri sera nella sede centrale dell’Amat, l’azienda di trasporto pubblico di Palermo, dove alcuni lavoratori della Euroservice, ditta che da anni ha in appalto il servizio di pulizia degli autobus, sono saliti sul tetto del deposito di via Roccazzo per protestare contro quello che hanno definito “l’appalto della vergogna“.

I lavoratori minacciavano di lanciarsi dal tetto e sono dovuti intervenire i vigili del fuoco.

La protesta è andata avanti per diverse ore e solo verso mezzanotte gli operai sono scesi. Decine di mezzi sono rimasti in fila fuori dall’autoparco, in attesa di rientrare in rimessa.

La vicenda riguarda quaranta lavoratori a rischio licenziamento. L’azienda palermitana, infatti, intende internalizzare il servizio utilizzando i precari della Reset.

Si è concretizzato quanto, purtroppo, temevamo. – ha detto Mimma Calabrò, segretario generale della Fisascat Cisl Palermo-TrapaniAbbiamo ricevuto, infatti, comunicazione ufficiale da parte della Euroservice srl, con la quale anticipa l’apertura della procedura di licenziamento collettivo a seguito della prossima scadenza dell’appalto prevista per il prossimo 30 giugno“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin