Palermo, 700 bare in attesa: "Rischio aumento conteziosi per il Comune" :ilSicilia.it
Palermo

deficit strutturale

Palermo, 700 bare in attesa: “Rischio aumento conteziosi per il Comune”

di
21 Gennaio 2021

Dal dibattito di oggi in Consiglio comunale emerge con grande chiarezza che le modifiche al regolamento sui cimiteri proposte dall’amministrazione comunale non produrranno alcun vantaggio nell’immediato per l’emergenza cimiteriale in corso” lo dice Viviana Lo Monaco, consigliere comunale e componente V Commissione permanente.

“La preoccupazione da me espressa in questi giorni circa i possibili contenziosi a danno del Comune è di fatto confermata dalle parole usate in aula dall’Avvocatura comunale, che ha precisato come negli ultimi 35 anni l’Amministrazione abbia maturato un “contenzioso cimiteriale notevole”, con vari filoni che vanno dalle revoche, ai sinistri per le condizioni dei cimiteri, all’uso illecito delle tombe“.

Viviana Lo Monaco, M5s Palermo
Viviana Lo Monaco, M5s Palermo

Un altro elemento di gravità aggiunto al dibattito riguarda la consapevolezza di un deficit strutturale di posti salma su cui il Comune non è mai concretamente intervenuto, tenuto conto che dagli anni 80 si sente parlare della necessità di realizzare un nuovo cimitero, ma ci troviamo ancora a parlare di accorgimenti giuridici amministrativi che non sono la soluzione” , continua il consigliere comunale.

Se il sindaco e l’amministrazione attiva stavano cercando dei capri espiatori per giustificare la propria inadeguatezza e incapacità di dare risposte alla città, hanno fatto male i conti” conclude infine Lo Monaco.

 

EMERGENZA DA DECENNI

Adesso le salme insepolte nello stesso cimitero sono quasi 700, accumulate in depositi di fortuna. Un’emergenza che dura da decenni, con inchieste giudiziarie che si sono susseguite con periodicità; ma nell’ultimo anno l’emergenza ha raggiunto dimensioni mai viste in passato. Nel febbraio 2020 un’inchiesta dei carabinieri ha portato a 10 avvisi di garanzia per corruzione.

Lo scorso luglio l’assessore al ramo Roberto D’Agostino (Iv), abbandonò l’incarico, preso ad interim dal sindaco Leoluca Orlando, che promise una celere soluzione. A luglio le salme senza sepoltura erano 400, adesso sono quasi raddoppiate e lo stesso capo di gabinetto del sindaco, in una proiezione resa nota un paio di giorni fa, prevede che entro giugno saranno 2.150.

cimitero dei rotoliLa crisi viene da lontano. Nell’82, l’anno in cui fu costruito il forno crematorio, si parlava già di “preoccupante saturazione” dei posti. Allora, la famiglia di una defunta seppellì il feretro con le proprie mani, stanca di attendere i tempi delle tumulazioni da parte di addetti poco solerti. Adesso sembra che sia saltato tutto: non funziona neppure quell’unico forno vecchio di quarant’anni, che da guasto in guasto è fermo da parecchi mesi. Chi può permetterselo porta i propri morti a Reggio Calabria o a Messina per la cremazione.

IL PROGETTO (FERMO) DI CIACULLI

Resta un progetto (con uno stanziamento di 15 mln, ma ne servono 70) per costruire un nuovo cimitero nella borgata di Ciaculli. L’ultima ipotesi è quella di acquistare per circa 800 mila euro, 430 loculi prefabbricati, da sistemare nei pochi spazi rimasti. Servirebbero per poco più della metà dei feretri rimasti finora senza sepoltura. E poi?

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin