Palermo: 8 anni per vicolo Bernava, via alle demolizioni | FOTOGALLERY :ilSicilia.it
Palermo

IL "TAPPO" DI 58 METRI CHE BLOCCA IL PASSANTE FS

Palermo: 8 anni per vicolo Bernava, via alle demolizioni | FOTOGALLERY

di
3 Luglio 2020
Vicolo Bernava © Foto D.G.
Vicolo Bernava © Foto D.G.
Vicolo Bernava © Foto D.G.
Vicolo Bernava © Foto D.G.
Vicolo Bernava © Foto D.G.
Vicolo Bernava © Foto D.G.
Vicolo Bernava © Foto D.G.
Vicolo Bernava © Foto D.G.
Il progetto del giardino di Vicolo Bernava – Post demolizioni

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Da 8 anni era un cantiere “fantasma”, senza alcun progresso. In vicolo Bernava, piccola strada nel pressi del Tribunale di Palermo, la Sis stava scavando la galleria “Imera-Lolli” del Passante ferroviario, quando all’improvviso – il 10 giugno 2012 – gli operai vennero letteralmente ricoperti da un “fiume” di acqua e fango. Riuscirono a uscire da quel tunnel, ma gli edifici soprastanti rimasero profondamente danneggiati e una settantina di famiglie dovettero abbandonare le proprie case. Il terreno era sprofondato di 17 millimetri e le crepe nei palazzi si fecero vistose e la Protezione civile ordinò lo sgombero.

Dopo anni di battaglie legali, ricorsi, e perfino la rescissione contrattuale del consorzio Sis, adesso sembra essere stato finalmente “rotto l’incantesimo” e da metà giugno sono partite le demolizioni dei 5 palazzi (senza esplosivo, ma con la tecnica della “decostruzione“) a opera della “Impresit“. RFI gli ha assegnato l’appalto per un costo di poco meno di un milione di euro.

area di cantiere vicolo bernavaI residenti della zona, tra cortile Barcellona, via Carlo d’Aprile e via Mario Cutelli da anni aspettavano segnali di ripartenza nel cantiere: «Siamo prigionieri dal 2012, in balia di nessuno», lamentavano nei mesi scorsi. Adesso la possibile svolta.

I lavori dovrebbero terminare in 180 giorni, ovvero 6 mesi. Entro fine dicembre 2020 – salvo imprevisti – quei cinque edifici non esisteranno più. Ma ieri, facendo una visita in cantiere (VEDI FOTO IN ALTO) per la verità non abbiamo incontrato alcun operaio all’opera. Si cominciano però a intravedere i primi interventi: dismissione di infissi, porte e ringhiere; poi si passerà alle parti strutturali (balconi, vani scala e ascensori, tegole, ecc…).

Sperando che non ci siano nuovi imprevisti, una volta terminate le demolizioni, bisognerà iniziare il lavoro vero e proprio: una maxi variante, da tempo approvata dalla Regione, che permetterà il completamento degli ultimi 58 metri di galleria sottostante. Bisognerà scavare sottoterra, drenare la falda acquifera, costruire il “tappo di fondo” della galleria e richiudere il tutto. Per un costo che si aggira sui 18 milioni di euro.

Nei prossimi mesi – non si sa perché non abbiano proceduto prima – RFI pubblicherà quindi un secondo bando di gara per il completamento della galleria. Al posto degli edifici poi dovrebbe sorgere un grande giardino.

vicolo Bernava - post operam
Il progetto del giardino di Vicolo Bernava – Post demolizioni
© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.