Palermo: a Palazzo delle Aquile si presenta il libro del fisico-teorico Ignazio Licata :ilSicilia.it
Palermo

sabato 29 dicembre alle ore 17

Palermo: a Palazzo delle Aquile si presenta il libro del fisico-teorico Ignazio Licata

28 Dicembre 2018

Secondo appuntamento con le iniziative collaterali, a cura di Officina Ballarò, nell’ambito della mostra “Modigliani Les Femmes Multimedia Experience” in corso a Palazzo Bonocore, a Palermo, che si sta rivelando un grande successo con una notevole affluenza di visitatori, molti dei quali stranieri attratti dalle bellezze del capoluogo siciliano.

Sabato 29, alle 17, nella sala Rostagno di Palazzo delle Aquile, sarà presentato il libro di Ignazio Licata “Complessità. Un’introduzione semplice” (Renzo Editore). Dialogheranno con l’autore Antonino Bondì e Franco Marineo .

IL LIBRO. La verità come processo e non come possesso. La complessità come divenire della conoscenza. Dalla fisica alle scienze sociali, dai Big Data alla teoria dei giochi e all’arte di governare, dalle scienze della materia all’economia, la complessità è un concetto chiave della nostra epoca, basata sul controllo dell’informazione e sulla previsione dei comportamenti.

Questo libro ci spiega come affrontare il nuovo che avanza, come aggiornare i nostri modelli e filtri cognitivi, come evitare di cedere al fascino delle “Teorie del Tutto” e al facile controllo degli algoritmi. Perché more is different: non basta sommare le “parti” – fisiche, psichiche, sociali, economiche etc. – che compongono la realtà per comprenderla. 

licata ignazio
Ignazio Licata

“La complessità – scrive Licata – è vedere in ogni direzione la proliferazione di infinite storie, il superamento di un antico vetro infrangibile e asettico tra osservatore e osservato, che dà all’uomo la piena consapevolezza del suo essere un agente attivo, un attore che può scrivere gran parte della sua narrazione. E, per farlo, non può semplicemente limitarsi a calcolare il probabile sull’esistente, ma deve sviluppare la visione che gli consente di scommettere sul possibile e sul non ancora”.

Sempre nell’ambito della mostra fino al prossimo 6 gennaio è prevista per i visitatori la degustazione di panettoni artigianali. Inoltre, si ricorda la partnership con Trenitalia, dedicata ai clienti delle tratte regionali che si muoveranno in treno per ammirare l’esposizione, i quali potranno usufruire di uno sconto sul biglietto d’ingresso alla mostra, € 8 anziché 12.

Per ottenere l’agevolazione basterà esibire al botteghino un biglietto di corsa semplice o abbonamento regionale valido per raggiungere Palermo il giorno stesso l’ingresso alla mostra. L’offerta non è cumulabile con altre in corso.

La mostra multimediale dedicata al pittore livornese è organizzata da Navigare Srl, curata da Alberto D’Atanasio, in collaborazione con l’Istituto Amedeo Modigliani, nell’ambito delle manifestazioni di Palermo Capitale italiana della Cultura 2018; si aggiungono le opere meravigliose della “stanza segreta”, due della quali attribuibili ad Amedeo Modigliani – Jeanne e Hannelore– e tre opere di amici di Modigliani, Maurice Utrillo, Joseph Fernand Henry Leger, Giovanni Fattori.

 

Ecco gli orari in vista delle festività: 24 e 31 dicembre 10-18; 25 e 26 dicembre 10-20,30; 1 e 6 gennaio 10-20,30.

  • Ignazio Licata.  È fisico teorico presso l’Institute for Scientific Methodology di Palermo e visiting professor del Research Institute for Astronomy and Astrohysics di Maragha (RIAAM), in Iran. Membro di numerose associazioni scientifiche, editor di riviste specializzate, si occupa di fondamenti di teorie quantistiche, cosmologia e fisica dell’organizzazione e dell’emergenza. Tra le pubblicazioni più recenti: “Piccole variazioni sulla Scienza” (Dedalo, 2016), Beyond Peaceful Coexistence. The Emergence of Space. Time and Quantum (Imperial College, 2016).
  • Antonino Bondì. È membro dell’Institut Marcel Mauss dell’Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales di Parigi.  Filosofo del linguaggio, è co-direttore del seminario internazionale Formes Symboliques. Si occupa in prevalenza di modelli di costruzione del significato.  I suoi interessi riguardano i rapporti fra semiotica strutturale, cognitiva e fenomenologia. Ha pubblicato: La parola e i suoi strati (2011), Hjelmslev, fra lingua e linguaggio (2012).
  • Franco Marineo. Insegna storia del cinema e del video all’Accademia di Belle Arti e al Centro Sperimentale di Cinematografia di Palermo. S’interessa di visual culture, immaginario e nuovi media. Tra i suoi lavori, il recente “Il cinema del terzo millennio. Immaginari, nuove tecnologie, narrazioni”, Einaudi Torino, 2014.

Mostra fino al 31 marzo 2019 – Orari: dal lunedì (lunedì mattina chiusura pomeridiana con apertura ore 14) al giovedì e la domenica 10 – 20.30; Venerdì e sabato 10 – 22.30 (ultimo ingresso trenta minuti prima della chiusura).  Produzione: Navigare Srl – info: 345/2750787 (info@navigaresrl.com). Biglietti – Intero: € 12;  Ridotto: € 10 per over 65 anni, forze dell’ordine, vigili del fuoco, personale docente ed educativo Ministero Pubblica Istruzione; € 8: universitari, ragazzi fino a 18 anni e convenzioni; € 5: visita scuole. Gratuità: bambini fino a 8 anni, disabili con accompagnatori. La biglietteria chiude trenta minuti prima dell’orario di chiusura. Biglietteria/Info: Palazzo Bonocore – 342/1468635 – 345/2750787.

modiexperience.segreteria@gmail.com –  www.modiexperience.com

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.