Palermo: a Palazzo Drago le immagini vincitrici del World Press Photo 2019 | VIDEO e FOTO :ilSicilia.it
Palermo

Fino al 6 ottobre

Palermo: a Palazzo Drago le immagini vincitrici del World Press Photo 2019 | VIDEO e FOTO

di
7 Settembre 2019

Guarda il video in alto 

Per il terzo anno consecutivo torna a Palermo, nella nuova sede di Palazzo Drago Airoldi di Santa Colomba (via Vittorio Emanuele, 382) il World Press Photo 2019, concorso internazionale di foto giornalismo.

Fino al 6 ottobre in mostra le 144 immagini che hanno vinto, nelle varie sezioni per il 2019: Attualità, Ambiente, General News, Progetti a lungo termine, Natura, Vita Quotidiana, People, Sports e Spot News.

Novità di questa edizione è stata l’introduzione del premio Word press story of the year, vinta dall’olandese, Pieter Ten Hoppen con il progetto, The Migrant Caravan. 

Sono ben oltre 4 mila i fotografi che hanno partecipato al concorso provenienti da numerosi paesi del mondo. Tre gli italiani: Marco Gualazzino, Lorenzo Tugnoli e Daniele Volpe, vincitori di sezioni differenti.

Durante il periodo di esposizione si alterneranno momenti di approfondimento, legati sempre all’ambito della fotografia, attraverso pubblic lecture, ad ingresso gratuito e inizio alle ore 18.30, con – tra gli altri – ospiti internazionali; a dare il via agli appuntamenti, sabato 7 settembre Tony Gentile, autore del famoso scatto che, inconsapevolmente, ha segnato la storia della nostra Isola.

Dopo Gentile ci saranno anche: Igor Petyx, Lorenzo Tondo, Francesco Cito, Francesco Bellina, e poi ancora Letizia Battaglia con Roberto Timpari e, infine, Antonio Parrinello. Tra gli eventi collaterali anche talk e approfondimenti; sul sito tutti il dettaglio del calendario.

World Press Photo 2019

La foto, infine, che ha vinto l’edizione 2019 del concorso è “Crying Girl on the Border” di John Moore che ha immortalato la bimba Yanela Sanchez, sconvolta dalle lacrime mentre la madre viene presa in custodia dalla polizia alla frontiera americana in Texas, in seguito ai provvedimenti contro l’immigrazione voluti da Trump.

Palermo, con l’esposizione che si sviluppa in diverse sale del piano terra del Palazzo, è una delle dieci città al momento, nel mese di settembre, che ospitano l’esposizione.

Ingresso a pagamento dal lunedì al giovedì dalle 10,30 alle 20,30; dal venerdì alla domenica dalle 10,30 alle 22.

Guarda la fotogallery sotto

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.